La grande distribuzione cresce

20/09/2007
    giovedì 20 settembre 2007

    Pagina 23 – Economia e imprese

    Commercio/1

      La grande distribuzione cresce

        Vincenzo Chierchia

          MILANO
          La grande distribuzione snobba la crisi dei consumi e continua a crescere. Nei prossimi mesi saranno aperte almeno 30 nuove grandi strutture commerciali – sottolinea un rapporto della multinazionale Cushman & Wakefield (Gruppo Ifil) – l’interesse degli operatori internazionali per il mercato italiano resta molto alto, per il 2007 la previsione è di investimenti per almeno 2 miliardi, con conseguente superamento del record di 1,9 miliardi raggiunto nel 2006.

          Le prospettive restano altrettanto positive. Secondo l’analisi C&W, che conferma le attese di alcuni mesi fa, ci sono almeno 600 progetti per strutture commerciali di dimensioni superiori ai 5mila metri quadrati, che attendono di essere realizzati nei prossimi anni. In particolaew, gli analisti di C&W fanno notare che i grandi spazi commerciali in apertura nei prossimi 18 mesi sono stati già tutti affittati.

          L’Italia – rileva l’analisi – sta via via recuperando il divario con i Paesi avanzati dell’Europa per quanto riguarda le strutture commerciali di moderna generazione. Resta però il nodo della disomogeneità sul territorio: il 60% dei centri commerciali è situato nel Nord Italia, mentre Centro e Sud si spartiscono il restante 40 per cento.

          Inoltre, la metà dei centri commerciali italiani (che complessivamente contano poco più di10 milioni di metri quadrati) hanno dimensioni inferiori a 15mila metri quadrati.

          Il divario di sviluppo della grande distribuzione resta tstimoniatodal fatto che la media nazionale è di 170 metri quadrati di strutture commerciali moderne ogni mille abitanti: ma al Nord i metri quadrati rilevati sono 226, al Centro 152 e al al Sud solo 108 metri.

          Comunque, sottolineano i ricercatori C&W, il Sud sta recuperando a pieni giri visto che nell’ultimo anno l’incremento delle superfici commerciali moderne ha fatto segnare un aumento del 30% trainato dall’apertura di maxi shopping centre con almeno 100mila metri quadrati di superficie.

          Si stanno modernizzando anche le formule commerciali. I factory outlet hanno già raggiunto quota 14 centri: 300mila metri quadrati commerciali, e 1.300 negozi in totale. Nei prossimi anni la rete raddoppierà le dimensioni, sono stati infatti censiti progetti per un totale di 500mila metri quadrati. Si stima che in progetti siano almeno una ventina.

          Sono poi in piena espansione – sottolinea l’analisi C&W – i parchi commerciali (retail parks), più snelli dei grandi centri. Negli ultimi mesi sono state inaugurate almeno 20 strutture per un totale di 400mila metri quadrati. Questa tipologia di shopping centre è particolarmente apprezzata dagli investitori internazionali che possono arrivare anche al 2,25% della spesa.