La Gardenia Beauty, esito incontro 06/12/2011

Roma, 29 dicembre 2011

Testo Unitario

si è svolto lo scorso 6 dicembre il previsto incontro per la verifica dell’andamento aziendale e sull’utilizzo del contratto di solidarietà.
Il Dott. Caccavo, Resp. delle Risorse Umane, ha spiegato i nuovi assetti dirigenziali che hanno visto il passaggio del Dott. Storer da a.d. a Presidente e l’arrivo del nuovo a.d. Dott. Fabio Pampini.
Per quanto riguarda l’andamento economico, la direzione aziendale ha esposto una situazione preoccupante, con un calo sia del mercato che della Gardenia che si attesta intorno al -4% ma che prevede un crollo del 20% nel mese di dicembre.
Situazione che ha spinto l’azienda a ridurre la presenza degli stagionali per il periodo natalizio.
La fusione delle 2 realtà, Limoni e La Gardenia, sta portando grosse difficoltà gestionali e per ora pochi risparmi, anche a causa dell’aumento dei prezzi esercitato dai fornitori.
Il dato più preoccupante, prosegue l’azienda, è il netto calo degli ingressi di clienti nei p.v., a fronte di un tasso di trasformazione costante.
Hanno scelto di innalzare le promozioni ma questo ha portato un abbassamento del margine.
Stanno inoltre cercando di ridurre i costi della sede, riducendo l’organico a livello dirigenziale e ritoccando le policy delle trasferte e i contratti di affitto.
Prevedono l’apertura di nuovi punti vendita, almeno 5 nel corso del 2012 e la ristrutturazione di altri 15 p.v.
Il nuovo a.d. sembra essere molto interessato ad investire sulle risorse umane, tanto che l’azienda ha esposto un progetto che prevede il rafforzamento dell’area vendite attraverso un importante investimento nella formazione degli addetti, con una impronta più specialistica sulle competenze trasversali.
Stanno inoltre portando avanti una valutazione del clima aziendale e una sulle performance che si attua attraverso colloqui individuali con i dipendenti e sulla base della quale vengono strutturati percorsi di crescita nonché sistemi incentivanti.Sono inoltre consapevoli di dover migliorare nella comunicazione con i p.v., hanno colto la necessità di condividere maggiori informazioni con i dipendenti per evitare distacco tra la dirigenza e gli operatori.
Su richiesta delle OOSS hanno fornito i dati relativi allo straordinario: 1096 ore distribuite su 99 dipendenti, incluso l’inventario; mentre per quanto riguarda le assunzioni, ne hanno fatte alcune su Roma ma non fungibili con le figure già presenti e soggette al CDS ( Contratto di solidarietà )
Le OO.SS. hanno inoltre fatto presente quanto sia fonte di stress la figura del mistery shopper le cui schede di valutazione sono state usate in alcune situazioni per inviare lettere di contestazione. Anche su questo punto l’azienda ha affermato di condividere le nostre lamentele e quanto prima ci coinvolgerà nella valutazione dello stress da lavoro correlato.
Per quanto riguarda l’utilizzo del contratto di solidarietà, la direzione aziendale ha ammesso di aver avuto diverse difficoltà iniziali nella gestione che spera di aver superato; ritiene comunque lo strumento fondamentale per la tenuta economica dell’azienda. Si è impegnata inoltre, su richiesta delle OOSS, a fare una verifica rispetto alla possibilità di anticipare la parte che spetta ai dipendenti visti i tempi lunghi di pagamento da parte dell’INPS.
Le parti hanno infine concordato di rivedersi il 26 gennaio p.v. per proseguire il confronto su: accordo telecamere, proposta accordo su relazioni sindacali e premio aziendale, utilizzo del badge aziendale, dati aziendali, stress da lavoro correlato.
Quanto prima vi comunicheremo luogo e ora dell’incontro.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Daria Banchieri