LA FILCAMS PRENDE POSIZIONE SULLA BASE USA DI VICENZA E DENUNCIA LA DISCRIMINAZIONE NEI CONFRONTI DELLA CGIL

24/01/2007

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi
Ufficio Stampa
www.filcams.cgil.it

24 gennaio 2007

LA FILCAMS PRENDE POSIZIONE SULLA BASE USA DI VICENZA E DENUNCIA LA DISCRIMINAZIONE NEI CONFRONTI DELLA CGIL

Nota della segreteria nazionale Filcams

«La Segreteria Nazionale della FILCAMS-CGIL valuta con profonda preoccupazione la decisione del Governo Italiano sulla conferma degli impegni assunti dal Governo Berlusconi riguardanti l’ampliamento della Base militare di Vicenza.

«Condivide le contrarietà di merito e di metodo espresse dalla Segreteria Nazionale della CGIL nonché la giustificata ostilità della popolazione vicentina condividendone le ragioni della mobilitazione.

«La Segreteria Nazionale denuncia, altresì, l’intollerabile discriminazione nei confronti della CGIL praticata in tutte le basi militari presenti nel nostro Paese sulla base degli accordi con la NATO e con gli USA.

«Infatti per i lavoratori civili che operano all’interno delle basi militari, per una regola che risale agli anni della Guerra Fredda, l’ adesione alla CGIL è vietata; la più grande organizzazione sindacale del nostro Paese non è legittimata a differenza delle Federazioni di categoria della CISL e UIL, a sottoscrivere il loro Contratto Collettivo Nazionale di lavoro.

«A distanza di 16 anni dalla caduta del Muro di Berlino non viene superata da parte dell’Amministrazione Civile e Militare degli USA una palese violazione delle libertà sindacali garantite dalla Costituzione Italiana».