La direttiva Bolkestein all’esame di Bruxelles

13/03/2006
    domenica 12 marzo 2006

    Pagina 15 – Economia & Lavoro

    La direttiva Bolkestein all’esame di Bruxelles

      Ad un mese dal voto a Strasburgo, la direttiva Bolkestein arriva oggi sul tavolo dei ministri della competitivit� dell’Ue per un primo scambio di vedute informale che non si preannuncia tuttavia facile. Tra i 25 paesi membri non � infatti una maggioranza chiara a favore della riforma varata dal Parlamento europeo per la liberalizzazione dei servizi.

        Una riforma che ha cancellato il controverso principio del paese d’origine, che svincolava una societ� esportatrice di servizi dal rispetto delle regole in vigore sul posto, ed allungato la lista dei settori esclusi dalla liberalizzazione. Tra i paesi non proprio soddisfatti dalla riforma, i nuovi dell’est europeo, ma anche l’Italia, l’Olanda, la Gran Bretagna. Mentre il campo avverso, favorevole alla riforma varata in Parlamento, sotto la spinta dei due principali gruppi, socialistie popolari, � guidato da Francia e Germania. Anche l’Esecutivo di Bruxelles ha annunciato di voler riprendere nella sostanza il compromesso uscito dal Parlamento.

          Ma ha anche aggiunto che il tema sar� portato sul tavolo del Consiglio Europeo di primavera previsto per il 24 e 25 marzo. E solo qualche giorno dopo, il 4 aprile, la Commissione Barroso adotter� formalmente la propria proposta, che sar� discussa per la prima volta informalmente nella riunione dei ministri della competitivit� a Graz, in Austria, il 21 e 22 aprile.