La crisi mette alle corde la Gdo

04/05/2015   (Il Sole 24 ore)

Esplode la crisi nella grande distribuzione italiana. Licenziamenti annunciati e largo ricorso agli ammortizzatori sociali, fughe di alcune catene estere e cessione delle reti sono soltanto gli effetti di un drammatico calo dei margini che ha colpito le catene commerciali, food e non food. Negli ultimi anni il crollo dei consumi ha messo le aziende commerciali sotto pressione: le ha costrette a dimezzare gli investimenti per nuove aperture e ha ridotto la superficie di vendita. La miccia che ha risvegliato l`interesse dei media è stata la decisione di Auchan (in sofferenza da almeno un paio d`anni) di quantificare in 1.426 gli esuberi in Italia su circa 12 mila addetti in Italia. «In realtà – osserva Fabrizio Russo, della Filcams Cgil - la crisi non è recente: in 20 ipermercati Auchan, da alcuni anni, c`è stato un largo ricorso a solidarietà e Cig. Ora però la crisi sembra precipitare. Nell`ultimo incontro, Auchan ci ha comunicato di aver perso nel 2014 110 milioni negli iper e un centinaio nella catena Sma». Ma in queste settimane è esplosa anche il dramma di Mercatone Uno (mobili e arredi con un`ottantina di negozi): la mancata ripresa delle vendite ha prima fatto fallire il piano di rilancio e poi ha imposto il commissariamento del ministero dello Sviluppo economico. Decisamente peggio è andato a Lombardini e al gruppo tedesco Rewe: Lombardini ha ceduto cash&carry, iper, super e 300 discount a Carrefour, Coop, Selex e MD. I tedeschi di Billa (ex Standa) hanno abbandonato il Paese (restano i discount Penny) cedendo la rete commerciale a Conad e Carrefour, ma quest`ultimo player si è ritirato dal Sud (cedendo soprattutto a Coop e a operatori locali) dopo annidi delusioni. Nel non food la cronaca non è meno drammatica: nell`elettronica di consumo, per esempio, l`insegna Eldo è quasi scomparsa del tutto e i francesi di Fnac e Darty si sono sostanzialmente ritirati dal mercato cedendo pezzi di reti a Trony; gli inglesi di Dixons hanno ceduto il controllo di Unieuro al fondo Rhóne Capital che controllava Marcopolo Expert. «Non siamo sull`orlo della crisi – esordisce Francesco Pugliese, ad di Conad – ma ci siamo dentro da tempo. Tuttavia ci sono aziende, come Conad, guidate dall`imprenditore in prima persona, che si sono adattate di più e anzi ne stanno approfittando per crescere. Il sistema Conad, esercizio, ha portato il patrimonio da l,5 miliardi a circa 2. La situazione ci impone di crescere e presto faremo delle acquisizioni. Vogliamo diventare leader». Anche Marco Pedroni, presidente di Coop Italia, ammette che «le aziende sono in sofferenza, ma non tutte sono uguali. In un contesto di mercato maturo, le catene italiane hanno mostrato di adattarsi al territorio più di quelle estere. Oggi la sfida non è più la corsa aprire nuovi punti vendita, ma innovare quelli esistenti, specializzandosi sul cibo e valorizzando la territorialità». Federdistribuzione fotografa la situazione con un`analisi di Trade Lab: l`utile netto sul fatturato delle imprese della gdo è scivolato dall`1,4% del 2006, allo 0,8% del 2010 e allo 0,1% del 2013. Inoltre i172% del valore aggiunto è destinato alla remunerazione del personale. In scia un report Mediobanca, secondo cui la redditività della distribuzione al dettaglio (risultato d`esercizio/capitale netto) è calatada19,5% dellamediazoo3/7a1-0,5%del2m3. Federdistribuzione sostiene che, fmo al 204, per le associate i livelli occupazionali sono rimasti stabili. «Naturalmente -spiega- è una media tra aziende che hanno avuto un calo e altre che sono cresciute. La distribuzione moderna investe ancora in aperture 2,5-3 miliardi l`anno». Per Russo «parlare di saldo zero dell`occupazione è una forzatura. E forse il peggio deve ancora arrivare: non ci sono segnali di ripresa dei consumi mentre peggiorano i conti delle imprese. Inoltre Federdistribuzione sta elaborando, dopo l`uscita da Confcommercio, un proprio contratto collettivo che potrebbe non avere il livello di contrattazione aziendale e rinuncia ad alcuni istituti previsti dal contratto Confcommercio».