«La crisi è uno tsunami la green economy ci salverà»

08/04/2010

«Per qualificare e riconvertire l’industria italiana» e farla uscire dallo «tsunami» della crisi «la soluzione è la green economy». Così Alberto Morselli, aprendo a Pesaro i lavori della Filctem-Cgil, la federazione nata dall’unificazione delle sigle di chimici, tessili ed energia che, battezzata proprio ieri, conta su 250mila iscritti su un totale di 1 milione e 300mila lavoratori dei comparti interessati e sarà impegnata nella difesa di 28 contratti nazionali.
Secondo il segretario in pectore del nuovo soggetto sindacale, «spingere per una maggiore efficienza energetica e dare impulso all’utilizzo delle fonti alternative è un’irripetibile occasione per rendere migliore la qualità della vita, oltre che un eccezionale volano per creare nuovi posti di lavoro e nuove figure professionali ». L’istituto di ricerche Ires-Cgil ha stimato che, da qui al 2020, potrebbero essere circa 60.500 i nuovi occupati tra diretti e nell’indotto. Morselli
chiede, almeno nella fase iniziale, quattro sussidi pubblici: del governo, attraverso incentivazioni; dell’Autorità per l’energia, «per provvedimenti temporanei di moratoria sulle tariffe »; dell’Europa, attraverso i fondi strutturali; delle banche, per piani di ristrutturazione del debito. Insieme «occorre l’utilizzo di incentivi – aggiunge – come le agevolazioni fiscali negli investimenti, che diano motivazioni alle imprese per la riconversione, e soddisfino i cittadini». Da Pesaro, nella storica giornata che ha sancito la fusione tra Filcem e Filtea, Morselli lancia una proposta: «Nella contrattazione di secondo livello, tra le forme premiali, si può annoverare l’efficienza energetica, che può concorrere a far crescere il premio di risultato e/o di partecipazione, oltre a favorire la contrattazione nelle aziende sui modelli produttivi e attivare un confronto serrato sull’innovazione di processo e di prodotto». «Per questo – ha anticipato Morselli -abbiamo richiesto alle associazioni imprenditoriali dei nostri settori di realizzare linee- guida per l’aumento dell’efficienza energetica e lo sviluppo delle fonti rinnovabili»