La Cgil punta i riflettori su chi sfrutta i precari

22/11/2011

Modena città dei precari. Oggi i sindacati Nidil e Filcams Cgil promuovono la prima iniziativa a sorpresa della campagna «Precariopoli. Modena città precaria» che durerà tutto novembre e dicembre, per tenere alta l`attenzione sul precariato giovanile. Dopo aver lanciato un sito Internet (www.precariopoli. net) e una pagina Facebook (Precariopoli-Modena città precaria) oggi organizzeranno una serie di pacifiche incursioni itineranti in alcuni luoghi di lavoro della città dove sono impiegati lavoratori con contratti precari: dalle commesse con i contratti di associazione in partecipazione, ai camerieri con contratti a chiamata, ai lavoratori somministrati, fino ai falsi co.co. pro. Dalle 15 e fino alle 18, un gruppo di sindacalisti e lavoratori, partirà dalla sede Cgil (piazza Cittadella) e farà tappa, prima alla galleria del GrandEmilia, poi a quella del centro commerciale «I Portali», e infine al Caffè Concerto in piazza Grande. In ognuno di questi luoghi saranno piantate bandierine con la scritta «luogo ad alta densità di precari» e saranno distribuiti adesivi e materiale informativo. Iniziative dello stesso tenore si svolgeranno nei principali comuni del Modenese: Carpi, Mirandola, Sassuolo e Vignola, ma nella successiva settimana di mobilitazione – dal 12 al 17 dicembre. Nel programma della due mesi di Precariopoli, anche lo spettacolo «Morti di fame» per la regia di Annarita Ronconi della compagnia «WeltanSchaung Teatro Danza» che porta in scena la dignità calpestata di chi, pur lavorando, rimane povero. Lo spettacolo è previsto il 17 dicembre al Teatro dei Segni (via S. Giovanni Bosco, 150) alle ore 21. L`ingresso è gratuito (per prenotarsi, 059.326.253). «L`abuso dei contratti `flessibili` da parte delle imprese condanna tanti giovani, e non solo, a rimanere precari per anni e a non vedere prospettive di futuro» commentano Veronica Marchesini di Nidil-Cgil e Marcella Capitani di Filcams-Cgil. «Vogliamo accendere i riflettori proprio sul "caso Modena", dove l`utilizzo estremo da parte delle imprese del precariato ha creato una condizione di vera e propria emergenza sociale». ?