LA CGIL DENUNCIA: McDonald’s «Attività antisindacale» (Il Mattino – 9/3/2001)

LA CGIL DENUNCIA
«Attività antisindacale»
McDonald’s nel mirino
La Filcams Cgil di Avellino ha inviato una diffida alla
Community Cooking Leader, licenziataria di due ristoranti McDonald's che si trovano nel capoluogo irpino ed a
Mercogliano, per quella che viene definita «attività antisindacale». È quanto si legge in una nota del sindacato
stesso diffusa ieri. Il 20 febbraio scorso, si legge nel comunicato, venti giovani lavoratori dei due ristoranti in
questione, fra l’altro molto frequentati in Irpinia e in continua crescita, si erano iscritti al sindacato. Passa
qualche giorno.
«Nei giorni successivi la direzione
dei due locali ha chiamato a colloquio i ragazzi - si legge
nella nota - invitandoli a meditare sulla loro scelta e
sulle conseguenze che ne potrebbero derivare per la loro
carriera». Mentre alcuni revocano la delega al sindacato,
altri insistono, e per due di questi - scrive sempre la
Filcams - scatta la rappresaglia: cancellazione dai corsi
per il conseguimento della qualifica a «manager II
assistente», cui erano stati avviati dalla stessa azienda.
Da qui la diffida. «I sindacati - si legge ancora nel
comunicato diffuso nella giornata di ieri - non nutrono
grande fiducia nelle capacità e nelle possibilità del mondo
McDonald's di aderire ai normali rapporti aziendali in uso
nel mondo occidentale. Se il negoziato non avrà effetto - sottolinea, nel frattempo, Gabriele Guglielmi, segretario
nazionale della Filcams - siamo pronti a portare in tribunale la McDonald's, gli avvocati stanno, in queste
ore, lavorando all'esposto». Fin qui la versione fornita
dal sindacato interessato alla vicenda.