La Cgil chiede verifiche «Commessi spiati» Coop: non da noi

14/01/2010

Immagini e conversazioni rubate con telecamere e sistemi di registrazione nascosti dentro ai supermercati e agli uffici Coop della Lombardia. Il tutto per spiare commessi e impiegati della catena della grande distribuzione. E’ questa la denuncia contenuta in un’inchiesta pubblicata ieri dal quotidiano Libero.
Coop rifiuta con forza ogni accusa. E affida oggi la sua risposta a spazi pubblicitari acquistati su alcuni quotidiani nazionali e locali. «Contestiamo il contenuto di questi articoli ed escludiamo categoricamente di aver mai commissionato attività di spionaggio — dicono dal quartier generale Coop di Milano —. Daremo disposizioni affinché siano fatti tutti i necessari accertamenti. Degli esiti informeremo immediatamente l’autorità giudiziaria qualora emergessero, da parte di terzi, condotte penalmente rilevanti o comunque illecite».
Coop assicura di avere già dato incarico ai propri legali di prendere ogni iniziativa a tutela della propria immagine. Ma il sindacato si mette in allerta. «Se le notizie saranno confermate ci troveremmo di fronte a fatti gravissimi e inquietanti», stigmatizza Susanna Camusso della segreteria nazionale Cgil. «La Cgil chiede alla Coop, nelle sue responsabilità nazionali e della Lombardia, di fare subito chiarezza — continua la sindacalista —. E, qualora ci fosse un sistema di sorveglianza di quel tipo, di smantellarlo immediatamente». Particolarmente grave sarebbe— secondo Camusso— il fatto che alle riprese delle telecamere corrispondessero registrazioni audio: «Una palese lesione della privacy, una violazione dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici che nulla potrebbe avere a che fare con la tutela del patrimonio aziendale».
Secondo l’inchiesta di Libero, impianti di intercettazione sarebbero stati installati anche nei centralini di alcuni supermercati. Centinaia e centinaia i file audio e video. L’occhio indagatore del Grande Fratello avrebbe osservato, dal 2004 a oggi, i punti vendita di Vigevano (nel Milanese) e di Bonola e Palmanova (due quartieri del capoluogo lombardo). Sono 50 in tutto i super e ipermercati Coop in Lombardia