Documenti di settore

La Centrale, esito incontro 27/07/2017

Roma, 27 luglio 2017


Testo Unitario

In data odierna, le OO.SS. Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs hanno nuovamente incontrato la Direzione de La Centrale Srl per proseguire il confronto nell’ambito della fase conseguente alla comunicazione afferente la risoluzione del rapporto contrattuale in essere fra la predetta Società e la Telecom Italia SpA per i servizi di sorveglianza, controllo accessi, reception e centralino.
Come si ricorderà, La Centrale Srl, unitamente ad una procedura ex art. 47 della legge 428/90 – finalizzata a configurare una retrocessione del ramo d’azienda costituito dai servizi in parola, fece pervenire alle OO.SS. una comunicazione preventiva d’apertura di un iter di licenziamento collettivo ex L. 223/91 (che avrebbe dovuto interessare 73,36 lavoratori FTE (corrispondenti ad 86 teste) impiegati in varie province.
Le scansioni temporali di attuazione della reinternalizzazione del servizio che La Centrale Srl indicò nelle comunicazioni intercorse con Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, in estrema sintesi, dovrebbero così strutturarsi:

    a.dal primo di agosto dovrebbe ritenersi cessato il servizio presso le portinerie di Bologna (piazza VIII agosto/via Maroncelli, via del Pallone, via Albani e via Albari), di Venezia-Mestre (via Carducci) e di Ancona (corso Stamira);

    b.da metà agosto e fino a fine novembre inoltre, dovrebbero cessare il resto dei servizi forniti.


Al fine di evitare i licenziamenti, la Società ha sottoposto alle OO.SS. un’ipotesi d’intesa costituita da una serie di deroghe alle previsioni di legge e di CCNL su svariate materie (lavoro intermittente, orario di lavoro, durata minima del part time, integrazione economica per la malattia a carico dell’azienda ecc.); per parte nostra, naturalmente, abbiamo richiesto ai nostri interlocutori di parte aziendale di entrare nel merito dell’organizzazione del lavoro per comprendere se l’attuale struttura aziendale sia in grado di ricollocare in tutto o in parte il lamentato esubero di personale (anche sulla scorta del fatto che risulterebbe insistere all’interno del perimetro aziendale un abbondante numero di contratti a termine).
Per parte sua La Centrale Srl ha comunicato alle OO.SS. la propria intenzione di revocare la procedura di licenziamento collettivo e di voler effettuare il trasferimento dei propri dipendenti considerati in esubero laddove, sempre a detta dei nostri interlocutori di parte aziendale, si dovessero verificare esigenze di servizio da soddisfare; si consideri che, allorquando un lavoratore, non accettando il trasferimento, la Società potrebbe procedere al licenziamento.
Spiace constatare che, in seno alla Società, sia maturata la volontà di procedere unilateralmente; come OO.SS. abbiamo reiterato la nostra disponibilità ad un confronto di merito volto ad assicurare le opportune soluzioni alla fase critica che La Centrale Srl sta attraversando, purché si ricostituiscano le basi per accedere alle prestazioni garantite dal FIS (ammortizzatori in costanza di rapporto di lavoro), facendo una valutazione congiunta delle posizioni lavorative utili alla ricollocazione del personale considerato in esubero.
Chiediamo a tutte le strutture territoriali di monitorare costantemente le scelte operative che la Direzione aziendale porterà avanti, soprattutto in tema di trasferimento del personale, affinché si contrastino efficacemente e per tempo eventuali condotte discriminatorie e/o penalizzanti che lavoratrici e lavoratori potrebbero subire.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Vanessa Caccerini