La Centrale, aggiornamenti 26/07/2017

Roma, 26-07-2017

TESTO UNITARIO

Ieri, 24/07/2017, la Centrale s.r.l. ha comunicato a Filcams, Fisascat e Uiltucs, di aver ricevuto risposta negativa dall’Inps per usufruire dell’ammortizzatore sociale Fis in quanto la crisi aziendale che sta vivendo attraverso la perdita del servizio dell’appalto del portierato in Tim non fa prevedere una ripresa produttiva, conseguenza necessaria per aprire l’ammortizzatore.
A questo punto l’azienda ci propone un accordo integrativo per mantenere tutto il personale in forza chiedendo che fino al 2020 si deroghi al CCNL Vigilanza nei seguenti punti:


• Inserire al Livello D mansioni di ASC e Steward
• Riduzione della prestazione lavorativa senza una soglia minima
• Flessibilità di orario di lavoro
• Sospendere l’integrazione per la malattia a carico dell’azienda
Unitariamente, Filcams, Fisascat e Uiltucs, hanno rifiutato tale proposta e adesso siamo in attesa della risposta da parte dell’azienda su come vuole procedere in vista delle dichiarazioni di cessazione del servizio di portinerie a partire dal mese di Agosto 2017.


Filcams, Fisascat e Uiltucs, pur stigmatizzando lo scarso preavviso col quale il Committente ha risolto il proprio rapporto contrattuale con La Centrale, che di fatto inibisce qualsivoglia tentativo volto a far fronte seriamente al derivante problema occupazionale, ritengono non percorribili le soluzioni derogatorie prospettate dalla Società, in quanto, qualora le si ammettesse, si creerebbe in seno al mercato un pericolosissimo precedente in grado di deprimere il valore del lavoro. Ieri sera tardi si abbiamo concordato un incontro che si terrà  il 27/07/2017 per le 11.00 c/o la Fisascat via Dei Mille,56-Roma


Diffondete tali informazioni e vi aggiorneremo tempestivamente.

p.La Filcams cgil
V. Caccerini