La bocciatura di Cgil e Uil

03/12/2002




3 dicembre 2002


il giudizio dei sindacati

La bocciatura di Cgil e Uil

      Devolution bocciata. Da Cgil e Uil. Il leader del maggiore sindacato italiano, Sergio Epifani, sostiene che con il progetto voluto da Bossi l’Italia meridionale che «sta peggio quando l’economia va a velocità zero», «starà, se possibile, ancora peggio». E si chiede «perché il federalismo in tutte le lingue del mondo vuol dire unire, ma qui si usa per dividere». Epifani dice no a una «devoluzione che vuol dire dividere i diritti fra Roma e Palermo». Linea dura anche dal segretario aggiunto della Uil Adriano Musi, che ritiene il progetto di Bossi «sbagliato e privo di un disegno complessivo»: «Per noi il federalismo deve essere solidale, cooperativo, capace di unire il Paese».


Politica