Kelly Service Spa – Comunicato alle lavoratrici e ai lavoratori 27/11/2009

COMUNICATO
alle Lavoratrici e ai Lavoratori Kelly Services Spa

Testo Unitario 27 novembre 2009

In data 26 novembre 2009 è stata raggiunta una intesa con la direzione di Kelly Services SpA al fine di risolvere le ricadute sul piano occupazionale derivanti dalla crisi del settore e dalla riorganizzazione aziendale.

L’azienda aveva dichiarato 49 esuberi e l’accordo prevede che verranno messe in atto azioni idonee a salvaguardare l’occupazione escludendo quindi il ricorso a strumenti traumatici. Nessun lavoratore subirà iniziative unilaterali dell’Azienda.

Sarà attuato un piano incentivi per esodi volontari (previa dichiarazione di non opposizione al licenziamento) che riguarderanno tutte le aree, anche quelle non impattate dagli esuberi e ciò favorirà la mobilità/ricollocazione all’interno dell’impresa. Tale piano si protrarrà sino al 13 gennaio 2010.

I lavoratori delle sedi in chiusura al 31 dicembre 2009, che potranno comunque valutare, oltre all’adesione al piano incentivi con le condizioni di miglior favore previste per loro, anche l’opportunità del trasferimento in altre filiali, sopperiranno all’eventuale mancanza di attività con l’utilizzo di ferie e ROL.

All’esiguo numero dei tempi determinati in forza che non verranno prorogati e a cui verrà offerta la possibilità di una risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, verrà comunque garantito un diritto di precedenza per tutto il 2010 a fronte di eventuali spazi occupazionali venissero a crearsi.

Qualora, allo scadere dei tempi previsti dal piano, permanessero eccedenze di personale ci si attiverà per stipulare un contratto di solidarietà difensiva presumibilmente da febbraio 2009.

L’azienda si è resa disponibile ad effettuare confronti con le OOSS. a livello territoriale, qualora insorgessero problematiche specifiche nella gestione del presente accordo e a presentare alle OOSS e ai rappresentanti dei lavoratori un piano industriale a breve e medio termine.

Un nuovo incontro a livello nazionale si terrà il 14 gennaio 2010: in quella sede si farà una verifica puntuale delle adesione volontarie al piano incentivi, delle concrete opportunità di ricollocazione e mobilità interna apertesi nel frattempo e in conseguenza dello stesso, e, si predisporrà, qualora necessario, il contratto di solidarietà difensiva.

L’ ipotesi di accordo garantisce complessivamente una concreta rete di strumenti a salvaguardia di tutti i lavoratori e del loro reddito.

I lavoratori sono chiamati a dare il loro giudizio definitivo nelle assemblee che saranno organizzate nei prossimi giorni.

p. La Filcams CGIL Nazionale
(Cristian Sesena)