Jannotti e Bocca: alt all’agriturismo nell’ente

09/03/2005
    mercoledì 9 marzo 2005

    pagina 13 Turismo

    Jannotti e Bocca: alt all’agriturismo nell’ente

      No alla presenza dell’agriturismo nel nuovo Enit. Lo hanno detto Costanzo Jannotti Pecci, presidente di Federturismo-Confindustria, e Bernabò Bocca, presidente di Confturismo-Confcommercio.

      Jannotti Pecci ha precisato: ´Non c’è pace per il turismo: mentre si stava profilando un primo accettabile esito per il riassetto dell’Enit, dopo anni di attese e confronti, in zona Cesarini spunta, nel Piano di azione per lo sviluppo preparato dal governo, la rappresentanza dell’agriturismo nel nuovo ente’. In questo caso, secondo il numero uno di Federturismo, ´si realizzerebbe un inaccettabile precedente, innanzitutto dalle dubbie radici anche normative: dall’ordinamento dei ministeri, al Cnel, alle leggi dei due settori, alla Commissione europea, come in diritto e in economia, la separazione tra agricoltura e turismo è netta e inequivocabile, con il cosiddetto agriturismo contemplato e sancito soltanto quale complemento delle attività esercitate dagli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2.135 del codice civile. Ma, evidentemente, ciò non è sufficiente per il gioco dello scambio politico che tratta l’industria del turismo, a lungo completamente ignorata, come un comodo omnibus sul quale imbarcare ogni utile compromesso interno al governo’.

        L’ennesima bozza di riforma prevede una rappresentanza, all’interno del nuovo Enit, delle associazioni di categoria, comprese appunto quelle agrituristiche. Un’eventualità che non piace neppure a Bernabò Bocca, che ha parlato di ´discutibile e improvvida scelta. Non è la prima volta’, ha sottolineato, ´che assistiamo a questo genere di invasioni di campo nel nostro settore e faremo di tutto per impedire quello che consideriamo un vero e proprio assalto alla diligenza’. Il rischio, secondo il numero uno di Confturismo, è che ´per questa via si apra la stura al rivendicazionismo di quanti, in qualche modo, sono coinvolti nei tanti aspetti di cui è fatto il turismo’.