“Istat” Siamo 58,7 milioni, stranieri in aumento

11/07/2006
    marted� 11 luglio 2006

    Pagina 37 – Cronaca

      Tutti i numeri del 2005. In crescita il trend della fecondit� grazie a extracomunitarie e madri over 30.
      Fuga dalle grandi citt�, Milano resiste

        Siamo 58,7 milioni, stranieri in aumento

          Istat, rapporto demografico. Il 99% vive in famiglia. Pi� decessi che nascite

            MARINA CAVALLIERI

              ROMA – � un andamento costante, nonostante la lieve flessione, � una ripresa tenace anche se minima. Gli ultimi dati Istat confermano la tendenza alla ripresa della fecondit� iniziata nella seconda met� degli anni ‘90, dopo che per anni le donne avevano detto no alle culle. Sono le straniere e le over 30 le avanguardie della nuova fecondit�, quelle che spingono un po� pi� in alto le statistiche. L�aumento del numero medio di figli per donna � concentrato al Nord e al Centro (+26 e +19 per cento tra il 1995 e il 2005) ma i comportamenti femminili tendono a omologarsi, al Sud infatti la fecondit� continua a diminuire smentendo la storica propensione a fare figli.

              Le cifre sull�andamento demografico nel nostro paese confermano alcuni comportamenti e stabilizzano delle tendenze: saldo naturale negativo, stranieri sempre pi� numerosi, tasso di fecondit� in ripresa grazie soprattutto alle mamme straniere, tendenza all�allontanamento dalle grandi citt�.

              La popolazione – Al 31 dicembre 2005 risultano residenti in Italia 58.751.711 persone, con un incremento dello 0,5 per cento rispetto al 2004. Le donne sono 30.224.823, gli uomini 28.526.888. Nel 2005 sono aumentati, rispetto all�anno precedente, gli stranieri residenti in Italia: la quota sulla popolazione totale � pari a 4,5 stranieri ogni cento persone residenti.

              La natalit� – Nel 2005 il numero dei nati in Italia � stato in leggero calo rispetto all�anno precedente. Il decremento ha riguardato soprattutto il Sud (-3,6 per cento). �Si � confermata tuttavia una tendenza all�aumento nel lungo periodo, dovuta alla maggiore presenza straniera regolare�, ha spiegato Angela Silvestrini, ricercatrice Istat. Negli ultimi 10 anni, infatti, l�incidenza delle nascite di bambini stranieri sul totale dei nati ha fatto registrare un fortissimo incremento, passando da poco pi� di 9 mila nati del 1995 a pi� di 52 mila del 2005, dall�1,7 per cento al 9,4 per cento. �C�� anche da segnalare il recupero delle donne che hanno posticipato la maternit�, che non rinunciano pi� a fare figli anche se tendono a farli pi� tardi�. Quanto alla mortalit�, dopo due anni caratterizzati da un andamento anomalo (mortalit� elevata nel 2003, a causa del forte caldo estivo) il numero dei decessi nel corso del 2005 (567.304 persone) � tornato ai livelli precedenti.

              Le famiglie – Gli italiani vivono per il 99,4 per cento in famiglie. Le famiglie anagrafiche sono 23 milioni e 600mila; il numero medio di componenti per famiglia risulta invariato rispetto all�anno precedente ed � pari a 2,5.

                Le citt� – Tentativi di fuga dalle grandi citt�: nei 12 grandi comuni con popolazione superiore ai 250mila abitanti, risiedono quasi 9 milioni di abitanti, il 15,2 per cento del totale, in questi comuni si registra un leggero decremento di popolazione dello 0,1 per cento. L�allontanamento dalle grandi citt� riguarda in particolare Napoli (-14,1 per mille) e Palermo (-9,2 per mille). L�unica citt� ad aumentare in misura consistente la popolazione � Milano (+9.296).