“Istat” Coldiretti: «ridotte le spese per il cibo»

07/10/2005
    venerdì 7 ottobre 2005

    Pagina 4

    LA COLDIRETTI

      «Nel nostro Paese il 25 % ha ridotto
      le spese per il cibo»

        Il 25% degli italiani di età superiore ai 14 anni ha ridotto nell’ultimo anno le spese per mangiare, ma paradossalmente il 75% degli adulti afferma di adorare il mangiar bene. È quanto rileva la Coldiretti, in occasione dei dati Istat sulla povertà, sulla base del primo monitor sull’evoluzione degli stili alimentari degli italiani elaborato dalla società Astra.

        Dalla ricerca – sottolinea l’organizzazione – emerge che se in media un quarto degli italiani ha ridotto nel 2004 le spese per mangiare, un drammatico picco del 38% si registra per gli anziani tra i 55 e i 64 anni nel Mezzogiorno. A confermare la tendenza ad un contenimento dei costi è la perdita di peso delle marche della grande industria alimentare con il 43% degli italiani che afferma di preferire i prodotti non di marca e che non fanno pubblicità. Secondo la ricerca siamo però di fronte ad un apparente «paradosso sociale poiché se da un lato si riduce la spesa per l’alimentazione dall’altro il mangiare e il bere bene divengono sempre più importanti e gratificanti».

          Secondo la Coldiretti lo dimostra il fatto che per la maggioranza degli italiani (55%) il mangiare rende addirittura felici e che solo un italiano su sette sostiene di mangiare solo per sopravvivere. Peraltro sono 9,2 milioni gli adulti che affermano di dare più importanza al cibo rispetto a 2-3 anni fa, un numero superiore a quelli che dicono l’opposto.