Ipercoop, settimana decisiva

02/09/2013

AFRAGOLA. Altra serrata bianca all`Iper di Afragola, dove tra 6 giorni potrebbero scattare i licenziamenti per 225 dipendenti campani e la contestuale chiusura dello stabilimento aperto dal `99. Ieri mattina, è andato di scena l`ennesimo blocco agli straordinari per protestare contro la procedura annunciata per 250 dipendenti campani su 667 in totale. L`Iper è rimasto aperto dalle 10 alle 12,30. In seguito, i lavoratori hanno incrociato le braccia fino alla chiusura delle 21. Cresce intanto, il fermento per l`incontro in programma martedì in Regione, tra azienda e sindacati. L`appuntamento è all`ufficio del lavoro Ormel, a partire dalle 12. Voluto dall`assessore al ramo, Severino Nappi, è finalizzato a stoppare la procedura aperta dall`azienda a fine aprile scorso, e bloccata per un mese. La pausa estiva doveva servire anche a get- tare le basi per una soluzione alternativa ai licenziamenti, dopo la sospensione delle trattative con le emiliane. In seguito all`ufficializzazione del proprio interessamento a rilevare personale e logistica in Campania, Coop Estense ed Adriatica, hanno fatto dietro front sostenendo che le premesse iniziali a concludere l`accordo con Unicoop Tirreno, non c`erano più. Durante gli incontri tenutisi in un albergo della Capitale, i rappresentanti nazionali di Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil hanno cercato di ammorbidire le pretese delle emiliane, che avevano presentato un piano di rilancio del marchio molto restrittivo. Il discusso piano industriale prevede una diminuzione del costo del lavoro, al posto dei tagli. Da realizzarsi attraverso la retrocessione di un livello per tutti i dipendenti e il recupero delle perdite in 3 anni.
Al tavolo regionale di martedì, dovrebbero partecipare anche i primi cittadini di Acerra, Casalnuovo e Afragola, che nei giorni scorsi hanno manifestato grande preoccupazione per la piega che la vertenza Ipercoop sta prendendo in Campania, chiedendo un incontro urgente all`assessore Nappi. Mentre, le rsa territoriali siederanno al tavolo, i lavoratori annunciano un presidio all`esterno degli uffici regionali, in attesa dei risultati del summit. Due le strade, in caso di mancato accordo: o la mobilità o una nuova proroga. Oltre i dipendenti dello stabilimento di Afragola, la procedura di mobilità aperta da Ipercoop in Campania, riguarda 18 dipendenti dell`Iper di Avellino, 6 di Quarto, e uno nel supermercato di Napoli-Arenaccia. Salvo quello di Santa Maria Capua Vetere.