“Intervista” Angeletti: «Finalmente qualche cosa si sta muovendo»

18/02/2002
La Stampa web







(Del 16/2/2002 Sezione: Economia Pag. 3)
IL SEGRETARIO GENERALE DELLA UIL INTRAVEDE SEGNALI DI DISGELO
�Finalmente qualche cosa si sta muovendo�
Angeletti: entro la prossima settimana torner� a incontrare Pezzotta e Cofferati

ROMA UNA novit� importante. �Qualcosa si muove� commenta finalmente sorridendo il segretario della Uil Luigi Angeletti. Si riferisce alla richiesta annunciata da Luca Volont�, capogruppo Ccd-Cdu al Senato e quindi esponente della maggioranza di centrodestra, di cancellare le modifiche all�articolo 18 dello statuto dei lavoratori previste dal disegno di legge delega sul mercato del lavoro e basate in tre casi, per i licenziamenti senza giusta causa, sulla sostituzione del reintegro con un indennizzo.

Angeletti � davvero significativa l�iniziativa di Volont�?

�L�emergere di una posizione di buon senso dovrebbe porre fine all�incaponimento del governo nel mantenimento delle modifiche all�articolo 18. Modifiche sempre giudicate dai sindacati inutili per il mercato del lavoro e anche per la flessibilit�. La flessibilit� infatti non c�entra niente: ogni anno l�applicazione dell�articolo 18 riguarda duemila persone. Siamo di fronte semplicemente a un problema di rapporto di potere tra aziende e lavoratori�.

Volont� � stato sollecitato ad avanzare la richiesta nel corso del pranzo con lei e con il segretario della Cisl Savino Pezzotta?

�No. E� stato lui a chiederci di incontrarci e ovviamente siamo andati volentieri. Volont� non ha mai cessato il dialogo con noi, � sempre molto sensibile alle nostre opinioni. Non abbiamo alcun problema a incontrare qualunque esponente politico pronto a parlare dell�articolo 18�.

E non ha nessun problema ad andare a un incontro senza il segretario della Cgil Sergio Cofferati?

�Volont� molto gentilmente mi ha invitato a pranzo e io non mi sono preoccupato di chiedere notizie sulle eventuali altre presenze. Con piacere ho poi trovato Pezzotta. E ho appreso che era stato invitato anche Cofferati�.

Ormai, per�, non sembra facile vedervi tutti e tre insieme.

�Abbiamo gi� deciso di ritrovarci tutti e tre la prossima settimana per parlare dell�articolo 18. Probabilmente l�incontro si svolger� marted� 19�.

C�� il disgelo allora dopo le vicende del congresso della Cgil di Rimini?

�Ci sono state ovviamente opinioni diverse su come proseguire l�iniziativa per contrastare le modifiche all�articolo 18 volute dal governo, ma non c�� mai stata una rottura come pu� essere invece apparso dalla lettura dei giornali. Ci sono state insomma soltanto idee differenti sugli strumenti della lotta e non sulle scelte di carattere strategico�.

Il problema, pertanto, resta il rapporto con il governo?

�E� sempre stato cos�. D�altra parte Volont� rappresenta un gruppo parlamentare rilevante in quanto componente della maggioranza, ma ovviamente spetta al governo l�ultima parola salvo il voto finale del Parlamento sul disegno di legge delega�.

Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha gi� dichiarato di non cambiare posizione.

�Vedremo. Noi siamo sempre fiduciosi sul fatto che il buon senso prevalga�.

E in che modo pensa di convincere Berlusconi e il ministro del lavoro Roberto Maroni a cambiare idea?

�Quando il governo percepir� che � ostile al provvedimento non solo la maggioranza degli iscritti ai sindacati ma anche la maggioranza dei lavoratori rifletter� sulla sua scelta e la ripenser�.

E� ancora convinto che sia prematuro lo sciopero generale ipotizzato da Cofferati?

�S�, io penso che l�eventuale chiusura della discussione e il voto del parlamento sulle modifiche all�articolo 18 dello statuto dei lavoratori rappresenterebbero paradossalmente la procalmazione dello sciopero generale da parte del governo�.