Intervento di Gabriele Guglielmi al 24° Congresso UITA di Ginevra, 14/17 maggio 2002

Intervento di Gabriele Guglielmi
Al 24° congresso UITA di Ginevra 14-17 maggio 2002


3 argomenti
-GRI
-McD
-Autogrill

Da ogni iniziativa: O si sta dentro o si sta fuori
Pur preoccupati e critici, nel Global Reporting Iniziative (una sorta di autodichiarazione aziendale di rispetto di indicatori di sostenibilità) per ora, come sindacato, ci siamo.
Se stiamo dentro serve la nostra capacità critica, propositiva e negoziale; serve la collaborazione e la presenza degli affiliati.

A cosa può servire che la UITA, magari tramite i propri affiliati, partecipi alle iniziative di un progetto come il GRI o il TOI?
1.dare un contributo di idee (ma anche economico aggiuntivo se le organizzazioni affiliate si fanno carico di partecipare direttamente)
2.Ricercare obiettivi per:
A)migliorare in generale il sistema
B)spostare l’asse dell’iniziativa a favore della gente che rappresentiamo
C)individuare le nostre specificità

In situazioni quale quella del Global Reporting Iniziativei nostri rappresentanti lavorano per:

-migliorare strutturalmente l’impostazione del GRI verso:
1.la Trasparenza indicatori
2.la Verificabilità e controllo esterno
3.il Maggiore peso agli indicatori di sostenibilità sociale

-spostare l’asse sui diritti umani integrando e aggiungendo indicatori, nello specifico del Tour Operators Project (ad integrazione, a chiarimento e per meglio cogliere la specificità settoriale, sulla base del documento UITA sulle politiche del turismo approvato a Malmoe il 18-20 giugno 2002) abbiamo ottenuto:
-l’inserimento di indicatori specifici TOI rivolti sia all’azienda madre, che all’intera catena, con particolare riferimento ai fornitori e ai luoghi di destinazione
-l’applicazione generalizzata delle convenzioni OIL e il diritto alla copertura assicurativa per pensione, malattia , infortunio
-indicatori a garanzia libertà di associazione sindacale e di contrattazione collettiva e diritti che sono riconosciuti quale diritto umano
-siamo stati intransigenti sul lavoro dei bambini perchè in questo settore, c’è un ulteriore piaga: che il lavoro dei bambini può essere anche oggeto di sfruttamento sessuale
-infine, al rispetto di tali indicatori viene subordinata anche a politica di sviluppo del T.O. nella scelta delle nuove mete

Specificità e proposte

Il 26 aprile è stato definito il testo TOI da sottoporre al comitato di revisione del GRI, è il primo settore che lo fa, seguiranno il settore delle assicurazioni e quello delle miniere.

Cosa potrebbe essere fatto di positivo?
-il sistema GRI è basato sull’adesione volontaria e non prevede controlli esercitati esternamente; perchè allora non ci facciamo carico di esercitare un controllo indiretto ed esterno. Come? Ad es. Creando una rete con alcune O.N.G., magari a partire dalle associazioni dei consumatori, specie quelle più attente al rispetto degli indicatori sociali;
-come potremmo utilizzare la presenza capillare di UITA per diffondere le informazioni, per monitorare i risultati, per denunciare gli inadempienti; ad es. Se il Tour Operator italiano "I Viaggi del Ventaglio" aderirà alla TOI iniziative, dichiarerà sulle proprie pubblicità quali sono le procedure di controllo che ha messo in atto e gli indicatori aggiuntivi che si è impegnato a rispettare; il sindacato italiano sarebbe a conoscenza di quali sono le destinazioni utilizzate dal T.O. e Filcams CGIL Fisascat CISL Uiltucs UIL potrebbero informare direttamente, o tramite la UITA, i sindacati locali affiliati affinchè gli stessi raccolgano le informazioni sul rispetto o meno da parte del T.O. di quanto dichiarato pubblicamente, segnalino le inadempienze da denunciare. (es. Blak list UITA per alberghi)
-Fra le specificità del settore un nostro punto di forza è certamente il fatto che per un Tour Operator l’immagine è fondamentale!

Appare inoltre utile:
- migliorare il coordinamento sindacale delle varie iniziative
-coinvolgere-delegare le organizzazioni sindacali affiliate esercitandone il coordinamento come UITA
-creare una rete di alleanze a partire dalle ONG

McDonald’s
1.Mario Resca, presidente della McDonald’s Italia, pare sia candidato a diventare Ministro degli Esteri, dicastero attualmente ricoperto da Silvio Berlusconi il quale ha comunque nominato Mario Resca nel Consiglio di Amministrazione dell’ENI, la più grande aziena pubblica italiana.
2.Stiamo negoziando con McDonald’s Italia per un contratto aziendale che sarà poi estendibile agli affiliati
3.Per fine maggio è probabile che sottoscriveremo un accordo nazionale a tutela dei lavoratori sui controlli a distanza esercitati con le telecamere; accordo che, scritto nello stesso modo, sarebbe recepito dai licenziatari con specifici accordi locali firmati col sindacato.

Autogrill
1.Nel novembre del 2001 abbiamo rinnovato un buon accordo da applicarsi a tutti i ristoranti italiani
2.L’azienda ci ha comunicato l’intenzione di raggiungere l’accordo per costituire il
Comitato Aziendale Europeo entro la prossima estate
3.Nel 2001 abbiamo sperimentato una prima collaborazione con HERE che associa lavoratori della filiale USA di Autogrill, contribuendo all’esito positivo di una lotta in corso presso il ristorante di un aeroporto che si è conclusa con un positivo accordo.