Interdis, la ricetta di Thiglia

08/01/2004

ItaliaOggi (Marketing)
Numero
006, pag. 16 del 8/1/2004
di Lorenzo Morelli


Nuovo direttore commerciale per l’azienda della distribuzione organizzata.

Interdis, la ricetta di Thiglia

Un’offerta più razionalizzata per attrarre il cliente

Giro di poltrone per Interdis. Fabio Thiglia è stato nominato nuovo direttore commerciale del gruppo multi-insegna e multi-canale che opera nel settore della distribuzione organizzata e che dal 2002 è confluito in Mecades (la centrale d’acquisti che fattura più di 12 mila milioni di euro).

´Gli obiettivi per il futuro’, spiega Thiglia, ´consistono nel combinare, in un’ottica sistemica, i servizi tradizionali relativi agli acquisti e all’area del prodotto a marchio con i servizi alla vendita. Concretamente invece di avere 33 assortimenti, uno per ciascuna azienda associata, punteremo a unificare e razionalizzare l’offerta in modo che il cliente sia facilitato nella scelta del prodotto’.

´Sostanzialmente’, prosegue il neodirettore commerciale di Interdis, ´le scelte strategiche saranno prese sempre più a livello centrale per coordinare al meglio i lavori di fornitura. Il nostro scopo è infatti sviluppare una politica commerciale integrata e forte. In particolare, la private label e la logistica dovranno essere gestite in modo innovativo. La logica da adottare non sarà più meramente funzionale, ma dovrà essere finalizzata alla soddisfazione del cliente-consumatore, vero e unico driver di successo per la moderna impresa distributiva’.

L’arrivo di Thiglia, che risponderà direttamente al presidente Paolo Barberini, è il segnale forte che l’azienda punta a consolidare l’area commerciale nell’ambito della distribuzione organizzata italiana. Negli ultimi due anni, infatti, la poltrona del direttore commerciale è rimasta vacante.

´La scelta di Interdis costituisce un’opportunità e una sfida impegnativa ed estremamente motivante’, commenta Thiglia. ´Poter lavorare in un gruppo che crede nell’innovazione tecnologica a favore del cliente è una chance importante che permetterà di unire sinergicamente le usuali skill di management distributivo con le più innovative strategie di loyalty marketing’.

E il consolidamento di una realtà già forte arriverà, sempre secondo Thiglia, attraverso le tre formule distributive: supermercato, cash&carry e discount.

Il gruppo, che si è specializzato nell’area del loyalty marketing management, ha tra i suoi obiettivi principali quello di coniugare la presenza capillare sul territorio, tipica della distribuzione organizzata, con le leve proprie della grande distribuzione.

Thiglia, 49 anni, è nato a Genova e ha alle spalle una lunga esperienza nel campo della distribuzione commerciale. Dopo il diploma, infatti, ha completato il proprio percorso di studi frequentando il corso Ifoa, centro per il perfezionamento distributivo di Reggio Emilia. E, successivamente, è entrato in Coop Liguria. Solo in un secondo momento è passato in Coop Italia, dove ha ricoperto la funzione di direttore acquisti nell’area freschi industriali e in seguito si è occupato del grocery, per approdare infine in Italia distribuzione con il ruolo di direttore generale.