“Info&Cult” L’amore al tempo delle badanti (M.L.Rodotà)

20/11/2003



20 Novembre 2003

L’AMORE AL TEMPO DELLE BADANTI
LA TENTAZIONE INDOSSA IL GREMBIULE
    Maria Laura Rodotà

    LOVE actually» è un film divertente e romantico, e spiega che gli uomini d’oggi amano le badanti. E’ un’ottima notizia per le badanti carine; è l’ennesima tranvata per le non badanti singole o accoppiate critiche che vanno in massa a vedere il film. Tra i commenti all’uscita: «Be’ in effetti l’altra sera mi sono messa il grembiule per non schizzarmi di sugo e F. mi è saltato addosso come non faceva da una vita». Buon per lei ma la questione è più complessa.
    Perché «Love actually», commedia natalizia multistorie, non è un’operina neoconservatrice, è un film di sinistra. Il regista-sceneggiatore Richard Curtis l’ha riempito di coppie multietniche; il primo ministro inglese Hugh Grant manda a stendere il presidente american-reazionario Billy Bob Thornton, e il suo amore per l’inserviente di Downing Street pare un ricongiungimento simbolico (insomma, non tanto) del New Labour alle sue radici popolari. E tutti sono civili-educati-politicamente corretti. Però, altro commento post-cinema, «i nuovi uomini sembrano miti ma sono cattivissimi, è vero». Se non cattivi, al solito, fragili. Lo scrittore tradito Colin Firth trova la felicità con una colf portoghese. E la sua, insieme a quella del premier (e agli approcci surreali tra due controfigure nude e timide), è la storia che finisce meglio. Va male alla signora borghese Emma Thompson, sopporta l’adulterio marito-segretaria per amore dei pupi; e alla ragazza che lavora troppo Laura Linney, scaricata dal collega ganzo perché troppo dedita al fratello schizofrenico, e troppo insicura.
    Tornando alle badanti, commento maschile, «guarda che succede. Un mio amico si è fidanzato con la moldava che sta da sua nonna». Tornando al film, che è davvero godibile, commento tra mamme: «Lo rivediamo sabato con le bambine?». Tornando alle bambine, oggi tostissime e dedite a cartoni in cui le eroine sono super e hanno amici maschi pasticcioni e più fessi: come spiegargli perché le donne passive-accuditive piacciono tanto? L’unica, per loro, è farle sperare nell’undicenne che suona la batteria per farsi notare dalla ragazzina che canta benissimo. L’unica, per le mamme, è tentare con il grembiule, se non gli viene da ridere.