Documenti di settore

Industrie Testi, esito assemblea generale 21/07/2020

Roma, 21-07-2020

    Si è svolta oggi martedì 21 luglio 2020, in modalità telematica, dalle ore 9 alle ore 10, l’assemblea generale delle lavoratrici del settore commerciale della azienda Testi.
    All’ assemblea, organizzata dalla FILCAMS-CGIL nazionale hanno partecipato 34 lavoratrici.

    Andrea Montagni della FILCAMS-CGIL nazionale ha illustrato ai lavoratori l’accordo sulla Cassa Integrazione straordinaria siglato l’11 luglio 2020 che consente il passaggio dalla Cassa integrazione in deroga ex Covid alla cassa straordinaria in una situazione di difficoltà per un’azienda che producendo per il proprio marchio, ma anche per marchi del settore lusso , intende comunque mantenere la propria rete commerciale diretta che diffonde il marchio “rebecca”.

    L’azienda tuttavia ha dichiarato che per difficoltà commerciali nei rapporti con Coin e Rinascente intende dismettere i corner in quelle reti e mantenere solo la rete di negozi “rebecca”.

    Per tre corner, quelli dei negozi Coin di Brescia, Bergamo e Torino è già stata prevista la chiusura entro il mese di luglio, per gli altri si prevede la chiusura al 31 dicembre 2020.
    E’ stata comunicata anche la chiusura di un negozio su Venezia per cessata locazione.

    Al momento attuale, tutto questo, stante la cassa integrazione prevista fino al 31 dicembre 2020, non pregiudica l’occupazione, ma è evidente che occorre discutere per tempo con l’azienda, verificando anche l’andamento delle attività, la redditività delle stesse, ecc.

    La FILCAMS-CGIL, in sede di accordo per la Cassa integrazione straordinaria ha ottenuto l’impegno della azienda a comunicare tempestivamente alle proprie strutture territoriali eventuali chiusure anticipate di corner e/o negozi e concordato per settembre un prossimo incontro.

    Nel corso dell’assemblea è emerso che al momento attuale, TUTTI I CORNER sarebbero chiusi con il personale in cassa integrazione a zero ore, senza comunicazione alcuna sulla possibile ripresa. E’ emerso anche una criticità sull’utilizzo delle ferie residue, qualche “pasticcio” sulla gestione del nastro orario individuale, mentre si è in cassa.

    Al termine dell’assemblea Andrea Montagni ha invitato le lavoratrici a contattare le strutture territoriali della FILCAMS-CGIL e si è impegnato a sollecitare l’azienda sulle questioni sollevate. Si è impegnato a trasmettere alle lavoratrici attraverso l’indirizzario utilizzato per convocare l’assemblea il testo degli accordi siglati l’11 aprile.

    Montagni ha anche espresso l’augurio che al prossimo incontro con l’azienda, previsto entro settembre, possano partecipare anche rappresentanti sindacali aziendali.

                            P. la Filcams CGIL Nazionale
                        Andrea Montagni