Incoming, precipita mercato Usa

15/04/2003

ItaliaOggi (Turismo)
Numero
089, pag. 14 del 15/4/2003
di Andrea G. Lovelock


UNITÀ CRISI ENIT.

Incoming, precipita mercato Usa

Come primo atto operativo, l’unità di crisi, istituita dall’Enit per fronteggiare la critica situazione del turismo, ha reso noto il monitoraggio compiuto dalle oltre 20 delegazioni all’estero dell’ente di promozione.

´Siamo di fronte alla più grave crisi in assoluto dell’industria turistica italiana’, ha commentato ieri il d.g. dell’Enit, Piergiorgio Togni. ´Una simile emergenza non si era verificata nemmeno ai tempi della mucillagine nell’Adriatico. Se dovessimo stilare un elenco di tutti i fattori che possono colpire il turismo, quest’anno ci sono tutti: emergenza economica con il crollo delle borse, guerra di ampia risonanza internazionale, emergenza sanitaria di dimensioni mai viste. Per la destinazione Italia, i segnali più negativi provengono dai nostri due mercati di riferimento: il Giappone, che conferma una flessione di partenze, con -8%; e gli Usa con, addirittura, -25%. A questo punto’, ha continuato Togni, ´urge l’adozione di contromisure, quali un tempestivo presidio promozionale sui mercati alternativi. E per far questo bisogna guardare a Est’.

Ma l’Enit è in grado di fronteggiare quest’emergenza? E, soprattutto, ci sono le risorse economiche? ´L’Enit ha a disposizione un budget sempre più ridimensionato’, ha sostenuto il d.g. dell’Enit, ´finora potevamo contare su 40 milioni di euro: 30 milioni provenivano dallo stato che, invece, quest’anno ne ha concessi solo 23. Questo a fronte di una Spagna che può contare su circa 150 milioni di euro e di una Francia che ne ha addirittura 200 milioni. Mancando le risorse, stiamo studiando nuove forme di autofinanziamento, come accadde all’epoca dei buoni-benzina che gli operatori esteri chiedono di ripristinare a viva voce, dove c’era un margine a favore dell’Enit. Per il resto, ci adopereremo per supportare gli operatori italiani a presidiare i nuovi mercati che, oggi più che mai, vanno sollecitati perché valida alternativa alle defezioni giapponese e nordamericana’.