In sciopero i dipendenti civili delle basi Usa

21/01/2005

    venerdì 21 gennaio 2005

      In sciopero i dipendenti civili delle basi Usa

        MILANO Un pacchetto di scioperi di 12 ore complessive è stato programmato dalle segreterie nazionali e provinciali dei sindacati di categoria dei lavoratori civili italiani dipendenti delle installazioni militari Usa. A programmare lo sciopero la Fisascat Cisl e la Uiltucs Uil. L’astensione riguarderà tutte le basi Usa in Italia con 4 ore ad inizio turno per i giorni di oggi, del e 28 gennaio e del 4 febbraio. Gli scioperi, che saranno accompagnati da manifestazioni di protesta, intressano le basi di Catania, Aviano, Vicenza, Pisa, Napoli, Gaeta e La Maddalena.
        I motivi dello sciopero sono legati agli esuberi di posto di lavoro annunciati dai comandi militari Usa.

          «Le riduzioni di organico -spiegano i sindacati in una nota- sono dovute ad una politica di risparmio di risorse che il governo americano sta attuando in tutta Europa». Le organizzazioni sindacali hanno denunciato che però, nel frattempo «i comandi Usa continuano ad assumere personale americano in posizioni di lavoro destinabili ad italiani contravvenendo agli accordi bilaterali tra gli Stati».
          Gli esuberi dovrebbero scattare dal 25 febbraio.