In albergo serve più formazione

03/12/2002

ItaliaOggi (Turismo)
Numero
286, pag. 14 del 3/12/2002
Fabio Donfrancesco


Convegno Aira.

In albergo serve più formazione

Gli imprenditori alberghieri devono investire di più nella formazione del personale. L’invito è partito da Firenze, durante la tavola rotonda organizzata dall’associazione nazionale che riunisce i dipendenti d’albergo. In un settore dove i contratti stagionali e a tempo determinato sono diventati oramai una costante, soprattutto le aziende di piccole e medie dimensioni sono restie a utilizzare le limitate risorse finanziarie disponibili per la crescita professionale del personale. ´È inutile nascondere la realtà’, spiega Carlo Megale, consigliere Aira, ´il comparto è stato sempre caratterizzato da un alto grado di turnover e gli imprenditori hanno poca voglia di investire soldi sul lavoratore, anche perché non sanno se sarà alle loro dipendenze la stagione successiva. Per le grandi catene è diverso’, osserva Megale; ´i corsi di aggiornamento sono continui, già inseriti nei budget annuali e finalizzati alla fidelizzazione del personale, che generalmente lavora per tutti i 12 mesi’. In Italia però, come i dati presentati recentemente nel rapporto 2002 di Federalberghi confermano, le strutture inserite in gruppi o catene anche nazionali coprono soltanto il 5% dell’offerta. ´E in questa situazione sono proprio le associazioni di categoria che devono svolgere un’importante azione di sensibilizzazione’, puntualizza il rappresentante Aira. ´Da una parte nei confronti della scuola, per una maggiore collaborazione e sintonia con le reali necessità delle aziende; dall’altra spingere gli imprenditori a sostenere la formazione continua nelle loro aziende. Basti solo ricordare quali trasformazioni nella gestione alberghiera sono legate alle nuove tecnologie informatiche, dal front-office alla governante ai piani’. Le conclusioni dell’incontro fiorentino, quindi, sono chiare: soltanto investendo sul personale si riuscirà a elevare il livello qualitativo medio del servizio negli hotel, al di là delle singole eccellenze, che comunque non mancano di certo nel panorama ricettivo italiano.