Il Tirreno – Niente integrativo, proclamato lo sciopero a Carrefour

02/10/2009

PISA. Acque agitate a Carrefour. Oggi assemblee dei lavoratori e sabato, 3 ottobre, sciopero.
«Nel luglio scorso Carrefour ha dato disdetta unilaterale del contratto integrativo aziendale e da oggi, 1º ottobre, le lavoratrici e i lavoratori del gruppo hanno meno diritti e meno tutele – si legge in una nota della Cgil -. L’azienda però ha comunicato con una lettera a tutti i dipendenti che applicherà un “piano aziendale per il collaboratore” che non è un contratto integrativo, nato da un da un accordo tra le parti; si tratta solo di una decisione unilaterale dell’azienda che mira a escludere qualsiasi confronto con il sindacato. Insomma, l’azienda decide da sola cosa dare (e cosa non dare) ai dipendenti e non accetta di sedersi ad un tavolo di trattativa, perché non vuole sentir dire dai rappresentanti dei lavoratori con quale disagio si lavora quando gli organici non sono sufficienti, quando gli orari di lavoro vengono ripetutamente modificati, quando le strutture non vengono adeguatamente mantenute».
Oggi «si svolgono le assemblee delle lavoratrici e dei lavoratori dell’ipermercato di Pisa per spiegare quanto danno produrrà questo comportamento aziendale e che la riuscita dello sciopero di sabato 3 ottobre è necessaria per dimostrare che il diritto al contratto integrativo, la cui disdetta è illegittima, non può essere accantonato così».