Rassegna Stampa

Il Sole 24 Ore – Il retail italiano teme Amazon

08/08/2017

Il colosso che sta cambiando il panorama Usa cresce anche in Italia, dove è accreditato di ricavi per 1,5 miliardi Cobolli Gigli: «Rischio reale, le nostre aziende stanno investendo per sopravvivere»

MILANO Il Mouse – che clicca compulsivamente l’acquisto online alle 2 di notte – o saracinesca sotto casa, per vedere, toccare, annusare e strappare un consiglio? Sembra un braccio di ferro dall’esito scontato quello che da oltre un decennio vivono Usa ed Europa alle prese con la galoppante ascesa dell’e-commerce. Negli Usa già lo hanno ribattezzato “effetto-Amazon”. Come la crisi degli immensi mail nel Midwest che solo da ottobre ha già cancellato 100mila posti di lavoro e il tasso di defaut del settore, che l’agenzia di rating americana Fitch ha aumentato, da metà giugno, al 2,9% contro l’1,8% di fine giugno. Ma quanto “pesa”, ad esempio, il valore delle vendite di Amazon in Italia? E quanto cresce l’e-commerce, sia nel nostro Paese sia in Europa? C’è davvero il rischio di un crollo di posti di lavoro? Un dato nazionale, ufficialmente, non viene fornito. Il fatturato è sempre solo quello globale (136 miliardi di dollari). Di questi, poco oltre 45 miliardi sono ottenuti da Paesi non Usa: 14,1 miliardi di dollari dalla Germania, 10,8 miliardi dal Giappone e 9,5 miliardi dal Regno Unito. Che non vendono certo solo all’interno dei propri confini, ma sono “hub” virtuali d’acquisto per altri mercati, limitrofi e non. I restanti 11 miliardi provengono, infatti, dal resto del mondo (Francia, Italia, India, Cina, Canada, etc).Tuttavia, una stima è possibile ricavarla. Incrociando il valore dell’e-commerce europeo (509 miliardi di euro secondo Ecommerce Foundation), con quello complessivo italiano (20 miliardi nel 2016 che quest’anno diverranno 23) e dando credito ad operatori del settore che attribuiscono ad Amazon una quota di mercato tra il 15-20% del consumer retail nazionale online, è ragionevole pensare che il volume di vendita in ltalia del gigante di Seattle si attesti su una cifra attorno agli 1,5 miliardi di euro. Grazie anche a investimenti, dal 2010, per 450 milioni di euro e 2mila addetti a tempo indeterminato. Complessivamente, in Italia, sul totale del retail, la quota online sembra relativamente contenuta: 5,6 %. Ma quest’anno – sempre secondo stime Polimi-Netcomm – raggiungerà il 21% nell’informatica, il 10% nell’editoria, il 7% nell’abbigliamento, il 4% nell’arredamento e lo 0,5% nel food&grocery. C’è dunque da aspettarsi un impatto massiccio sulla tenuta dei posti di lavoro anche in Europa, come in Usa?«In ltalia siamo indietro più per mancanza di offerta degli operatori economici che di domanda cliente – spiega Giuliano Noci, prorettore e ordinario di marketing al Politecnico di Milano -, ma certo andiamo nella direzione di una forte riduzione degli spazi. Sempre meno grandi iper e metrature per la Gdo. Ma sbaglia chi pensa che questo sia la morte del commercio. Già oggi il 60% degli italiani gestisce gli acquisti in prospettiva multicanale (cerca informazioni sui siti, poi se non compra online va al negozio o torna sul web per il post-vendita…)». Per Noci, però, non è semplicemente la vittoria del virtuale sul reale. «Amazon – spiega – ha cambiato il baricentro. Invece di scaffali con gli stessi prodotti per tutti, a vincere è la conoscenza del cliente. Lo conosce, lo profila, lo fidelizza, offre prodotti che lo “seducono”. Con lui interagisce e gli offre la soluzione più comoda e conveniente. Senza compromessi. Ma poi negli Usa acquista la catena di alimentari Whole Food, perché sa che, in fondo, l’essere umano non può prescindere del tutto da uno spazio fisico, dove provare emozioni (tattili, visive e olfattive), un’esperienza di evasione o intrattenimento, dove cercare servizi aggiuntivi, assistenza o iperspecializzazione». «Le preoccupazioni sono reali – sottolinea Giovanni Cobolli Gigli, presidente di Federdistribuzione -. Le nostre aziende stanno già facendo un grande sforzo per integrare il negozio “fisico” con quello “virtuale”. E ci sono anche tentativi di piccoli dettaglianti di associarsi per offrire tipologie di offerta simile facendo massa critica. In questi anni – conclude Cobolli Gigli – abbiamo quasi triplicato gli investimenti in formazione del personale di vendita, per “riconvertire” le cassiere, ad esempio, laddove si moltiplicano le casse automatiche e creare addetti sempre più specializzati». Ma la partita, da noi, è solo all’inizio. (Laura Cavestri)