Il Sole 24 ore – Per gli addetti della B&B salvataggio più vicino

30/12/2016

La clausola sociale che tutela la continuità occupazionale dei lavoratori che operano nelle aree di servizio e di ristoro, in caso di subentro in concessione sulla rete autostradale italiana, potrebbe trovare applicazione anche per i dipendenti in appalto. Questa interpretazione del decreto interministeriale del 7 agosto 2015 sostenuta dal Ministero dei Trasporti arriva su richiesta della Filcams e fa avviare verso una soluzione positiva la vertenza dei 116 dipendenti della B&B Pulizie. La vertenza è iniziata lo scorso ottobre, quando la B&B ha aperto la procedura di licenziamento collettivo che coinvolgeva 116 addetti della tratta Autostradale della A22 che attraversa le province di Bolzano, Mantova, Modena, Verona e Trento. Secondo il sindacato viene scongiurato il rischio di licenziamento al 31 dicembre 2016 per tutti questi operatori coinvolti, dopo la richiesta di chiarimento al ministro Graziano Del Rio per comprendere se la clausola sociale a tutela della continuità lavorativa del personale già impiegato dalla società uscente fosse applicabile in via estensiva, indipendentemente dal bando di gara, a tutti i dipendenti presenti al momento del subentro. Cristian Sesena segretario nazionale della Filcams Cgil, dice che «la vertenza non appariva di facile soluzione. Abbiamo avuto l’intuizione che la garanzia occupazionale prevista dalle normative per i lavoratori diretti potesse essere estesa a questi lavoratori in appalto e abbiamo pertanto sostenuto questa interpretazione in tutte le sedi»