Il nuovo Enit prende forma

21/02/2006
    marted� 21 febbraio 2006

    Pagina 21 – Turismo

      Il nuovo Enit prende forma
      A giorni la nomina del cda

        Lo ha annunciato Scajola. Ma la Finanziaria ha tagliato i fondi ordinari.
        di Massimo Galli

          Nei prossimi giorni saranno nominati i consiglieri di amministrazione dell’Agenzia nazionale del turismo, che subentrer� all’Enit. Lo ha annunciato il ministro delle attivit� produttive, Claudio Scajola, precisando che il Consiglio di stato �ha espresso i pareri dovuti’ e che �finalmente il nuovo Enit pu� diventare operativo’. L’organismo ha in dote il contributo straordinario di 20 milioni di euro che servir� a finanziare la nuova campagna promozionale sui mercati esteri. Scajola ha aggiunto che � stato siglato l’accordo tra il ministero per l’innovazione e le regioni, relativo al portale internet Italia.it. Il decreto del ministro Stanca, che permetter� di assegnare direttamente alle regioni 21 milioni di euro per la predisposizione dei contenuti, � stato redatto e dovrebbe essere approvato in tempi stretti.

            Scajola ha annunciato un’altra novit�: saranno stanziati 5 milioni di euro per i buoni vacanze, con l’obiettivo di allungare la stagionalit� turistica. Non � mancata una stoccata agli imprenditori, laddove il ministro ha affermato che il rapporto qualit�-prezzo dei servizi in Italia � distante non soltanto da quello dei paesi turistici emergenti, ma anche da nazioni come la Spagna e la Francia che investono di pi� in formazione e innovazione.

              Dal canto suo Enrico Paolini, coordinatore degli assessori regionali al turismo, ha usato toni prudenti, sottolineando che bisogna �tornare in campo con una squadra pi� unita che faccia fare rapidamente dei risultati: oggi ci sono le minime condizioni per riprendere il cammino’.

                C’� per� un tasto dolente, ed � quello relativo ai fondi a disposizione del nuovo Enit. Il commissario straordinario, Amedeo Ottaviani, ha ribadito che il piano promozionale da 20 milioni �� una risposta positiva, ma l’evento straordinario deve diventare un fatto ordinario’. Oltretutto, la Finanziaria ha tagliato il contributo ordinario per il 2006 di oltre 1 milione di euro. A questo proposito, tuttavia, Ottaviani ha negato che sia a rischio la partecipazione dell’Enit alle grandi fiere nel secondo semestre dell’anno, precisando che i 20 milioni andranno in qualche modo a compensare le minori risorse disponibili.

                  Quanto alla campagna promozionale, il suo titolo � �Italia opera unica’. Sar� incentrata sui prodotti: cultura, balneare, congressuale, terme, parchi, ambiente, montagna, laghi. Come ha spiegato il direttore generale dell’Enit, Eugenio Magnani, sono tre le tipologie di mercato su cui intervenire. La prima � quella dei paesi da recuperare, cio� Germania, Austria e Svizzera. Il secondo ambito riguarda i mercati da consolidare: Stati Uniti, Canada, Francia, Gran Bretagna, Belgio, Lussemburgo e Olanda. A proposito degli Usa, la campagna andr� a colpire, soprattutto attraverso spot televisivi, i potenziali viaggiatori del Texas, dell’Arizona e della Georgia, dove ci sono gi� voli aerei per l’Italia.

                    Infine, i mercati emergenti: Cina, Russia e Polonia. Gli strumenti scelti vanno dalla tv alla stampa a internet. Ma � prevista anche la produzione di opuscoli in 13 lingue, di manifesti per prodotti turistici, di cartine dell’Italia, oltre alla realizzazione di dvd in collaborazione con la Rai. Anche la rivista dell’Enit ha cambiato pelle: sar� a disposizione delle imprese come strumento di comunicazione con i vari mercati internazionali. E di una nuova veste si � dotato il sito internet dell’organismo di promozione della marca Italia. (riproduzione riservata)