Il no di regioni e consumatori

27/09/2002

ItaliaOggi (Turismo)
Numero
229, pag. 14 del 27/9/2002



Il no di regioni e consumatori

La Conferenza dei presidenti delle regioni ha bocciato, ieri mattina, l’impostazione della Conferenza di Lamezia Terme. In un documento indirizzato al ministro Antonio Marzano, ha indicato i motivi che suggerivano una sostanziale rivisitazione dell’appuntamento, proponendo, invece, una conferenza interregionale.

´Un’innovazione’, si legge nel documento, ´necessaria in un ordinamento costituzionale nel quale, con il nuovo titolo V, la materia turistica rientra tra le competenze conferite alla potestà esclusiva delle regioni.

Ma sinora queste motivazioni non hanno trovato una risposta soddisfacente’. Nonostante però questa diversità di vedute, ´per un imprescindibile senso di responsabilità istituzionale, molte regioni parteciperanno con i propri assessori ai lavori della conferenza, nella convinzione che l’incontro ´sarà l’occasione per ribadire pubblicamente che, rispetto alle attività produttive del settore turistico, non può esistere per la legislazione regionale altro limite che quello stabilito dalla Costituzione’.

Sul fronte consumatori, sempre ieri l’Acu (Associazione consumatori utenti) ha annunciato di disertare l’appuntamento che sarà una ´passerella di ministri e sottosegretari’, mentre ´non è stato programmato alcuno spazio per le associazioni dei consumatori, alle quali la legge sul turismo riconosce un ruolo primario all’interno della conferenza. Questo significa manifestare disinteresse a un confronto rispettoso dei ruoli, e un mancato riconoscimento delle rappresentanza degli interessi del settore’.