Il gruppo Despar nell’orbita di Coop Italia

27/09/2005
    martedì 27 settembre 2005

    ECONOMIA ITALIANA – pagina 15

    Nasce una maxi centrale acquisti con una quota di mercato del 24% I ricavi sfiorano i 15 miliardi di euro

    Il gruppo Despar nell’orbita di Coop Italia

      VINCENZO CHIERCHIA

      MILANO • Nuova girandola di alleanze in vista nella grande distribuzione. La maggior parte del gruppo distributivo Despar sta trattando per entrare nell’orbita del leader di mercato Coop. Una volta siglata l’operazione nascerà un gruppo che negli acquisti potrà vantare una quota di mercato vicina al 24% del totale italiano, per un giro d’affari stimabile (prezzi alla vendita), intorno ai 15 miliardi di euro. Finora la galassia Coop, dopo l’accordo con Sigma di un paio di anni fa, si è attestata su una quota di mercato del 19,8 per cento.

      Il gruppo Despar è stato finora alleato del polo Mecades, formato dal gigante tedesco dell’ingrosso Metro, insieme con i gruppi italiani Sisa, Interdis e, in particolare, Aspiag Despar (società distributiva del Nord Est, legata a Metro). Nei giorni scorsi il consiglio di amministrazione della centrale acquisti Mecades ha deciso di prolungare l’accordo di alleanza commerciale, ma una parte dei soci, ovvero Aligross ( oggi nell’orbita della francese Carrefour) e buona parte ( 10 delle 12 aziende del gruppo Despar), hanno deciso di uscire e dal 2006 non faranno più parte della centrale acquisti.

      Mecades nel suo complesso ha sviluppato un fatturato intorno ai 6,2 miliardi di euro di cui il 90% relativo al solo settore alimentare.
      La quota di mercato complessiva nell’ambito dei prodotti di largo consumo è stata valutata intorno al 13,6 per cento. La quota di mercato della sola rete Despar ( relativa solo a supermercati e ipermercati) è valutata intorno al 3,4% complessivo, con una punta del 4,1% nell’ambito dei supermercati.

      Con gli ultimi movimenti, Mecades resterà quindi formata dalle catene distributive Aspiag Despar, Interdis, Sisa e metro, alle quali si aggiunge la Secom Crai che partecipa a pieno titolo alle attività commerciali della centrale acquisti, senza però far parte integrante del perimetro societario. «Mecades investirà sulle sinergie e la logistica, con particolare attenzione al Sud » afferma Mario Maiocchi, presidente e direttore generale Metro Italia e componente del Cda di Mecades.

      Una volta perfezionata, l’intesa con i partner Despar usciti da Mecades segnerà una svolta radicale per Coop Italia, perché da un lato nasce una centrale acquisti molto forte e, dall’altro, si apre un capitolo nuovo per il gruppo cooperativo che inizia, come altri, a sottoscrivere alleanze al di fuori dell’ambito delle realtà che ruotano intorno alla cooperazione.

      Despar nel suo complesso può contare (al netto della componente Aspiag) su una rete di oltre 1.500 punti vendita ( circa 700mila metri quadrati di superficie netta commerciale) che sviluppano un giro d’affari di 2 miliardi di euro ( stime alla vendita).

      Il gruppo Coop, nel suo complesso, ha chiuso il 2004 con un fatturato complessivo di 11,3 miliardi di euro. Le cooperative sono complessivamente 155, di cui 9 sono quelle di grandi dimensioni. I punti vendita si attestato intorno a quota 1.280 per un’area di vendita stimata in circa 1,4 milioni di metri quadrati. I soci consumatori sono circa 6 milioni e gli addetti impiegati 52mila. In particolare Coop è leader nel comparto degli ipermercati con una quota del 27,3 per cento. L’accordo con Despar garantirà quindi un rafforzamento nel settore dei supermarket.

      I piani di sviluppo di Coop prevedono la realizzazione, entro il 2007, di 80 nuove strutture commerciali di cui 29 ipermercati ( per oltre 190mila metri quadrati di superficie commerciale) che daranno lavoro — secondo i piani — a 6mila persone.