Il gruppo Coop a luglio lancerà la spesa online

03/03/2000

loghino.gif (3272 byte)

ombraban.gif (478 byte)



testata quotidiano

europa

mondo

commenti e inchieste

italia – politica

italia – economia

italia – lavoro

attivita marittima

testata norme

norme e tributi

norme e tributi3c

testata finanza

finanza internazionale

finanza & mercati

finanza & mercati

mercato dei capitali

materie prime




1 2 3 5 6 7 8 9 11 12 13 17 18 19 20 21 22 23 24 25 27 29 30 31 33 35 37 39 40





Venerdì 3 Marzo 2000
italia – economia
Il gruppo Coop a luglio lancerà la spesa online

MILANOIl debutto ufficiale è previsto per luglio, in diverse realtà metropolitane d’Italia, per poi essere esteso a livello nazionale. Il nome è emblematico: «La spesa che non pesa». Si tratta del progetto del gruppo distributivo Coop per la spesa online, entrato nella fase esecutiva. Una volta operativo quello di Coop si candida a essere il primo progetto italiano di e-commerce nel settore dei prodotti di largo consumo su vasta scala. Finora numerose società hanno investito in questa direzione, ma solo con iniziative pilota, molto circoscritte e limitate per quanto riguarda l’assortimento dei prodotti

Il meccanismo è abbastanza semplice, passa per la realizzazione di un portale nazionale Coop, destinato a offrire in generale servizi ai consumatori (la vera base del gruppo cooperativo) e che avrà come contenuto importante la possibilità di poter acquistare un elevato numero di prodotti che compongono il paniere della spesa della famiglia media. Accanto a ciò il portale Coop consentirà anche di acquistare servizi turistici, mediante l’offerta di una società controllata, e prodotti finanziari. Sono poi allo studio alleanze per arricchire il complesso di contenuti e servizi nell’ambito del portale. In questo ambito sono ritenuti possibili intese ad hoc con operatori definiti come Internet provider.

La struttura di base per la veicolazione dei prodotti sarà costituita dalla rete di vendita Coop. Per la consegna sono previste due modalità: ossia sarà possibile, ovviamente, ricevere i prodotti direttamente a domicilio (mediante il pagamento di una commissione) oppure i prodotti ordinati via Internet potranno essere ritirati, senza pagamenti extra, presso i punti vendita. Per quanto riguarda i pagamenti online è prevista la possibilità di utilizzare la carta di credito, con l’aiuto di sistemi di sicurezza.

È previsto poi un massiccio utilizzo di servizi di outsourcing per ottimizzare le varie componenti della filiera dello stoccaggio e della consegna dei prodotti. Il criterio di base dovrebbe far quindi leva sulla rete di vendita e sulla prossimità alle strutture distributive tradizionali.

Coop è il gruppo distributivo leader in Italia, con una quota di mercato nella distribuzione moderna grocery del 17,3% (stime Iri-Infoscan). Il giro d’affari si aggira attualmente sui 16mila miliardi (prezzi al consumo finale). La rete di vendita è composta da oltre 700 strutture presenti in buona parte delle regioni italiane con una superficie globale prossima ai 900mila metri quadrati.

Il progetto nazionale è stato preceduto da un periodo di sperimentazione nell’area di Bologna nell’ambito di un progetto promosso dal Comune felsineo e da Telecom Italia, e realizzato con un campione di 1.500 famiglie (50% di internauti) che hanno potuto collegarsi a Internet mediante l’apparecchio tv. All’inizio lo shopping on line targato Coop è stato attivato con un numero limitato di prodotti non alimentari, non presenti però nel tradizionale assortimento dei punti vendita in gestione diretta; da dicembre ha debuttato il food.

I risultati hanno offerto spunti di interesse per implementare il programma a livello nazionale, anche se sono stati verificati dei limiti nell’impiego dell’accesso a Internet attraverso il mezzo televisivo.

Vincenzo Chierchia