Il debito pubblico tocca il nuovo record

13/06/2006
    marted� 13 giugno 2006

    Pagina 2 – Economia

    E il debito pubblico tocca il nuovo record

      In marzo ha raggiunto quota 1.556,9 milioni di euro. Il 3,2% in pi� rispetto a fine 2005

      Non basta l’exploit delle entrate fiscali. Nei primi quattro mesi dell’anno sono cresciute del 6,8%, ma il debito pubblico, a fine marzo, ha egualmente stabilito un nuovo record. Segno, visti i buoni risultati degli incassi dell’erario, che la spesa pubblica, nonostante i provvedimenti dell’ex ministro Tremonti, ha continuato a correre pi� del dovuto. E comunque ben oltre i limiti fissati della sua stessa finanziaria.

      A fotografare debito e tasse � il supplemento �Finanza Pubblica� della Banca d’Italia. E si tratta di cifre di cui il governo non potr� non tenere conto nella fase di preparazione del Documento di Programmazione Economico-Finanziaria e della contestuale, annunciata, manovra correttiva.

      I conti di via Nazionale delineano un debito pubblico in corsa, tanto che sono stati rivisti al rialzo anche i dati degli ultimi mesi. Dopo il livello record di febbraio, anche a marzo lo stock ha registrato un nuova crescita in valori assoluti attestandosi a quota 1.556,9 miliardi di euro. In valore assoluto, il dato sul debito � il pi� alto da sempre. Ma certo ai fini europei vale il rapporto con il prodotto interno lordo.

      Il precedente record risale per� solo al precedente mese di febbraio, quando il debito si era assestato a quota 1.552.090 milioni. Rispetto alla fine del 2005, quando il debito pubblico era a 1.508.176 milioni di euro, a marzo � cresciuto del 3,2%, mentre rispetto a marzo 2005 � salito del 3,5%.

      Il debito pubblico registrato a marzo 2006 dipende per 83.630 milioni di euro dal debito delle amministrazioni locali, imputabili per 32.437 milioni alle Regioni, per 51.193 a Province e Comuni e per 8.405 ad altri enti.

      Una nota positiva, invece, arriva dall’andamento delle entrate di cassa: da gennaio ad aprile 2006, al netto dei fondi speciali di riscossione, sono state pari a 97.118 milioni di euro, in crescita del 6,8% rispetto ai 90.903 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente. Ad aprile – sempre secondo i dati di Bankitalia – le entrate sono state pari a 22.694 milioni, in crescita del 3,4% rispetto ad aprile 2005.