Il Comitato professionisti rilancia la protesta

12/09/2003


      Venerdí 12 Settembre 2003

      Il Comitato professionisti
      rilancia la protesta:
      «No a discriminazioni»


      ROMA - Mentre i sindacati dei professionisti, attraverso le confederazioni Cnsilp e Confedetecnica, hanno dato il via libera al progetto del sottosegretario al Lavoro, Alberto Brambilla, il Comitato previdenza professioni, coordinato da Carlo Bottiglieri, continua a dare battaglia.
      Per il Comitato il principio della totalizzazione
      deve restare quello previsto attualmente nella delega
      pensioni, all’esame del Senato: ogni ente deve
      cioè determinare le prestazioni "totalizzate" applicando le regole valide per tutti gli iscritti alla
      gestione. Invece, «il progetto Brambilla — afferma
      Bottiglieri — adotta il sistema contributivo
      unicamente nei confronti dei totalizzandi e senza
      tenere conto del pro rata. Si tratta di tagliare ai
      lavoratori sul limite del pensionamento, con oltre
      40 anni di lavoro, l’importo della pensione di oltre
      il 50 per cento. La penalizzazione di carattere
      economico è talmente gravosa da indurre sia i
      giovani che gli anziani a rinunciare alla totalizzazione».
      Consilp e Confedertecnica, invece, ritengono
      che il risultato sia comunque positivo in quanto si
      consente di valorizzare spezzoni contributivi che
      altrimenti non potrebbero concorrere alla pensione.
      A Brambilla le confederazioni sindacali hanno
      comunque chiesto di intervenire sul correttivo così
      da ridurre ulteriormente la distanza tra l’entità
      della prestazione calcolata con il contributivo rispetto a quella determinata con il retributivo.