Il bonus anti anzianità « vale » 550 milioni

01/03/2005

    martedì 1 marzo 2005

      sezione: NORME E TRIBUTI – pagina 23

      Il bonus anti anzianità « vale » 550 milioni

      GIANLUCA DI DONFRANCESCO

      ROMA • Il bonus per chi rinvia la pensione d’anzianità frutterà all’Inps meno di 550 milioni nel 2005. È la stima contenuta nella I nota di variazione al bilancio preventivo 2005 dell’ente. Meno di quanto previsto all’alba dell’operazione, quando si ipotizzava oltre un miliardo di risparmi l’anno.

      Secondo il nuovo documento dell’Inps, invece, la minor spesa pensionistica si attesterà nel 2005 a quota 792 milioni. A questa vanno poi sottratti i contributi che sarebbero stati versati da chi, anche senza poter contare sull’incentivo in busta paga, avrebbe comunque scelto di restare al lavoro dopo aver raggiunto i requisiti per l’anzianità. L’Inps quantifica questa perdita di gettito in 243 milioni. Il risparmio " netto", effettivo, diventa così di 549 milioni ( le prestazioni istituzionali costeranno all’istituto 174mila milioni nel 2005).


      Il vantaggio per le casse dell’Inps è il frutto dei 22.800 bonus concessi nel 2004 e dei 34mila che lo saranno nel corso del 2005. In tutto, quindi, alla fine dell’anno saranno 56.800 i lavoratori a incassare l’incentivo. Di questi, sempre secondo l’Inps, 36mila avrebbero chiesto la pensione e sono stati invece convinti a rimandare dalla prospettiva di ricevere, esentasse, tutti i contributi previdenziali versati a loro carico. Gli altri 20.800, invece, riscuotono il premio senza fare nessuna rinuncia o cambio di programma, perché, anche in assenza dell’incentivo, sarebbero rimasti comunque al lavoro.


      Il bonus piace soprattutto ai dipendenti iscritti al Fpld: l’ 84% delle domande accolte ( 47.500) arriva da questa categoria, che da sola garantisce 498 milioni di risparmi netti. È fra questi lavoratori che l’incentivo raccoglie i consensi maggiori: il 77% dei dipendenti che l’hanno ottenuto sarebbero andati in pensione se non ci fosse stato, contro il 46% dei 9.300 beneficiati, iscritti alle altre gestioni Inps.


      Pesare l’andamento del bonus rischia di diventare però un esercizio complesso. Messa a confronto con le stime iniziali, la I nota di variazione al preventivo 2005 sembra ridimensionare i risparmi. Tuttavia la musica cambia se si prende come termine di paragone un recente rapporto dell’ufficio di valutazione e controllo strategico dell’Inps. Il documento, basandosi sui dati disponibili al 1 � gennaio, pronosticava 606 milioni di risparmi, ma in più di tre anni, e cioè dall’ultimo scorcio del 2004 fino al 2007. Per il 2004 e il 2005 la stima si fermava a 226 milioni ( si veda « Il Sole 24 Ore » del 19 febbraio).


      I conti dell’Inps. Nel complesso migliorano le p r e v i s i o n i per i conti

      dell’Inps nel 2005. Secondo la I nota di variazione al bilancio preventivo, che dovrebbe essere esaminata dal consiglio di amministrazione nei prossimi giorni, l’avanzo economico di esercizio dovrebbe raggiungere 1.294 milioni, con un miglioramento di 1.579 milioni rispetto alle previsioni originarie ( 285 milioni di disavanzo secondo il bilancio preventivo).

      La nota di variazione tiene conto anche delle norme della Finanziaria e quindi dell’aumento degli apporti complessivi dello Stato, che arrivano a 76.158 milioni di euro con 6.101 milioni in più in termini finanziari di cassa rispetto alle previsioni attuali, per effetto delle decisioni della manovra, soprattutto per quanto riguarda le prestazioni assistenziali.


      Si prevede poi un miglioramento per le entrate contributive, a 115.622 milioni con un incremento di 523 milioni rispetto alle previsioni originarie. Bene anche le uscite. Le prestazioni istituzionali infatti diminuiscono di 1.042 milioni rispetto alle previsioni, fermandosi a 173.887 milioni di euro complessivi.


      Per effetto del nuovo risultato di esercizio previsto, l’avanzo patrimoniale netto dell’Inps a fine 2005 è aggiornato a 18.573 milioni, in crescita di oltre 1.579 milioni rispetto ai 16.994 inizialmente previsti.