IL 14 AGOSTO SCIOPERANO I MARINAI DI SALVATAGGIO DELLA PROVINCIA DI RIMINI

02/08/2011

2 agosto 2011

Il 14 agosto scioperano i marinai di salvataggio della provincia di Rimini

Giunti anche quest’anno all’apice della stagione balneare, la vertenza per il rinnovo del contratto provinciale dei marinai di salvataggio non trova, a due anni dalla scadenza, una conclusione positiva. Nonostante gli innumerevoli tentativi della Filcams CGIL di Rimini, la parte datoriale continua ad avere un atteggiamento di completa chiusura.
Le argomentazioni che sostengono i rappresentanti della LEGA COOP e della OASI CONFARTIGIANATO sono sempre le solite “con il nuovo contratto i costi aumenterebbero in modo insostenibile per i bagnini.”
“I salvataggi” afferma in una nota la Filcams Cgil Rimini “vedono queste dichiarazioni provocatorie e infondate in quanto CONFESERCENTI e CONFCOMMERCIO hanno già sottoscritto nella stagione 2009, il contratto che vorremmo sottoscrivere oggi, riconoscendo un aumento salariale medio di circa 100 € a stagione, e i bagnini loro associati non sono certamente falliti ma continuano a lavorare normalmente e con la soddisfazione dei loro marinai di salvataggio.”
Il giorno 27 luglio si è tenuto il previsto incontro in Prefettura per tentare una mediazione della vertenza per il rinnovo del Contratto Provinciale. L’atteggiamento dell’Oasi Confartigianato e della Lega delle Cooperative e stata di completa e pregiudiziale chiusura.
Il 14 agosto, quindi, è stato indetto lo sciopero di tutti i marinai di salvataggio della provincia di Rimini (con esclusione dei marinai di salvataggio che fanno riferimento a Confesercenti e Confcommercio che hanno già sottoscritto il Contratto Provinciale), chissà a chi gioverà continuare a rinnovare lo scontro sociale con i marinai di salvataggio.