Ikea, esito incontro 09/12/2010


TESTO UNITARIO

L’incontro del 9 dicembre u.s. per il rinnovo del CIA, aveva all’ordine del giorno un ulteriore approfondimento del premio di risultato e la definizione degli obiettivi per il FY 2010/2011, per permettere ai delegati nelle U.O di scegliere quelli su cui lavorare. Il risultato dell’incontro è stato complessivamente positivo.

Sugli obiettivi per il FY 2010/2011 è stato raggiunto un accordo che vi alleghiamo che prevede di mantenere 2 obiettivi comuni (R.O Azienda e fatturato negozio compreso il ristorante) ed è stata definita una rosa di 8 obiettivi opzionali tra cui i delegati potranno sceglierne 3 ampliando in questo modo la loro possibilità di scelta.

Come sottoscritto nel verbale di accordo il meccanismo di calcolo per il premio deriverà dal rinnovo complessivo del CIA e pertanto non è stato ancora concordato in modo definitivo. Tuttavia proprio su questo punto che ha rappresentato le difficoltà più grandi della trattativa, si sono fatti ulteriori importanti passi in avanti.

L’Azienda infatti oltre ad abbandonare la sua iniziale impostazione di inserire i 2 cancelli (R.O. Azienda, R.O. negozio) che avrebbero potuto compromettere l’erogazione di tutto il premio ha accettato non solo di inserire un parametro di R.O. Azienda a se stante, ma ha accettato anche la nostra proposta di non inserire un parametro di R.O. di negozio (cui voleva legare il 30% del premio di negozio al raggiungimento secco del 100% del risultato) e di trasferire anche quella quota sugli obiettivi di negozio. In questo modo negli obiettivi di negozio confluirà il 70% del premio.

Al fine di tenere conto per l’erogazione del premio dell’andamento dell’ R. O di negozio abbiamo proposto che vi sia un meccanismo regolatore che oscilli tra più e meno 25% dei risultati raggiunti.

Cioè se l’R.O. di negozio è negativo il premio raggiunto con gli obiettivi di negozio potrà avere una diminuzione del 25% (penalizzazione nettamente più bassa rispetto alla proposta aziendale) ma se l’R.O. di negozio sarà positivo potrà esserci un ricalcalo maggiorato fino al 25% del premio di ogni singolo obiettivo raggiunto.

A questo meccanismo si aggiunge l’abbassamento della soglia degli obiettivi dal 98% chiesto dall’Azienda al 95% con una scala 95% – 112%.

Resta ancora da definire l’entità economica del premio e l’impostazione della stessa scala, ma sono state messe comunque le basi per un meccanismo che salvaguardi il premio nella sua impostazione originale.

La trattativa su tutta la piattaforma continua e il prossimo incontro è stato fissato per il 25 gennaio 2011 a Roma.

p.La Filcams Cgil
Carlini – Sesena