Idroteam Spa, esito incontro MdL 21/05/2015

Roma, 21 maggio 2015

si è svolto in data odierna il previsto incontro presso la sede del Ministero del Lavoro, con l’azienda Idroteam spa, al fine del raggiungimento di un
accordo in relazione alla procedura di mobilità avviata in data 17 marzo 2015.

Rispetto alla situazione comunicata al momento dell’apertura di procedura, e a quella a cui si era giunti a seguito degli incontri svolti (confrontare circolare del 5 maggio u.s.), l’Azienda ha comunicato una modifica ulteriore nel numero degli esuberi, dai 34 iniziali a 24, come riportiamo nel dettaglio:

- Piobesi d’Alba (CN) 3 dipendenti – confermati 0 esuberi

- Casale Monferrato (AL) 6 dipendenti – confermati 2 esuberi
gli esuberi riguardano i venditori dello show room che verrà chiuso definitivamente

- Venaria (TO) 7 lavoratori – confermato 1 esubero

- Grugliasco (TO) 64 lavoratori – confermati 9 esuberi

- Villorba (TV) 26 lavoratori – confermati 7 esuberi

- San Christophe (AO) 6 dipendenti –confermati 5 esuberi

L’Azienda comunica che la sede non potrà essere mantenuta in attività e gli esuberi ritornano ad essere quelli originariamente comunicati, ad eccezione di 1 lavoratore che ha presentato le proprie dimissioni.

L’Azienda ha ribadito la proposta di sottoscrizione di un accordo di mobilità su base volontaria, con durata fino al 31 dicembre 2015, attraverso incentivi variabili in base alle esigenze individuali dei richiedenti.
Le OOSS hanno naturalmente fatto presente il problema che si porrebbe per le sedi di Aosta e Casale Monferrato (AL), destinate inevitabilmente alla chiusura, e per i cui dipendenti si prospetta il trasferimento presso la sede più vicina (provincia Torino).
Dopo ampia discussione, si è riusciti ad ottenere, per i lavoratori di entrambi le sedi, l’impegno della Idroteam a fornire un’automobile collettiva per raggiungere la nuova sede operativa, e a considerare l’orario di lavoro giornaliero (8h) inclusivo dei tempi di spostamento, con orario effettivo di lavoro di 6h30min.
Incentivi e tutele sul trasferimento dovranno confluire in un Verbale di Accordo a latere che verrà sottoscritto nei prossimi giorno tra Azienda e OOSS.

A tali condizioni le OOSS hanno quindi convenuto l’opportunità di sottoscrivere in sede Ministeriale, il Verbale di Accordo a chiusura della procedura di mobilità, che prevede il solo criterio della non opposizione (Allegato 1) e nel quale si fa esplicito rimando al Verbale di Accordo che verrà definito nei prossimi giorni rispetto alle condizioni e ai dettagli della mobilità volontaria.
La situazione aziendale potrà inoltre essere monitorata per verificarne l’andamento, con incontri a cadenza mensile, su specifica richiesta delle OOSS territoriali e/o nazionali per tutta la durata dell’accordo.

p. la Filcams Cgil
Loredana Colarusso