I sindacati preparano lo scontro

16/11/2004

    martedì 16 novembre 2004

    Pagina 10 – Economia 

    IL VERTICE  

    Epifani, Pezzotta e Angeletti lavorano alle modalità dello sciopero  
    I sindacati preparano lo scontro

    ROMA – I sindacati affilano le armi per quello che deve essere il momento più alto dell´»autunno caldo», cioè lo sciopero generale di quattro ore contro la Finanziaria 2005, in programma il 30 novembre. I tre segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Epifani, Pezzotta e Angeletti, che si sono incontrati nella tarda serata di ieri nel quartier generale della Uil, hanno preso atto con soddisfazione della riuscita della protesta nazionale della scuola, iniziativa che costituiva una sorta di cartina tornasole per lo sciopero generale: il clima è tornato buono, la mobilitazione ha ritrovato vigore, un fatto non scontato dopo la deludente manifestazione del pubblico impiego a piazza San Giovanni prima dell´estate.

    L´appuntamento di ieri doveva essere anche l´occasione per un summit sul problema della revisione del modello contrattuale. Il confronto, però, è stato rinviato a venerdì, segno che fra le tre confederazioni ci sono ancora delle divergenze su contenuti e tempi. I vertici di Cgil, Cisl e Uil si sono limitati a incontrare i segretari di Filt, Fit e UilTrasporti, Solari, Claudiani e Degni, per fare il punto sulla vertenza per il rinnovo del contratto del trasporto pubblico locale, attualmente in fase di stallo. A questo proposito, i sindacati hanno deciso la ripresa delle iniziative di mobilitazione, compresa la partecipazione degli autoferrotranvieri allo sciopero generale del 30 (le modalità saranno illustrate giovedì in una conferenza stampa dai tre leader), nonostante l´invito della Commissione di garanzia, che voleva impedirla.


    Epifani, Pezzotta e Angeletti riprenderanno il discorso sul nuovo modello contrattuale venerdì prossimo a Firenze, quando si vedranno per la manifestazione unitaria contro il terrorismo. Nell´occasione i tre segretari dovranno decidere la data in cui partirà la commissione che avrà il compito di lavorare ad una proposta unitaria di revisione dell´attuale modello contrattuale, proposta che in seguito dovrà essere portata al tavolo con Confindustria. Analogamente sarà dato il via anche alla commissione che dovrà definire le regole per la validazione degli accordi sindacali da parte dei lavoratori, tema questo attualmente all´ordine del giorno nell´ambito della discussione tra Fiom, Fim e Uilm finalizzata alla ricerca di una piattaforma unitaria per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici. I tre segretari generali dovrebbero decidere anche un´iniziativa ad hoc per il Mezzogiorno, probabilmente un´assemblea dei delegati a Roma. Verrà anche decisa la data per il previsto seminario sul rapporto tra sindacato e politica.


    (r. d. g.)