I revisori dei conti bacchettano Autogrill

27/04/2005
    mercoledì 27 aprile 2005

    Pagina 39 – Economia

      La Deloitte sottolinea nella sua relazione che il bilancio della società fruisce di un beneficio "straordinario" di quasi 25 milioni
      I revisori dei conti bacchettano Autogrill
      "L´utile cresce solo grazie all´allungamento del periodo di ammortamento"
      Il 2004 dell´azienda del gruppo Benetton si è chiuso con 52,7 milioni di profitti

        WALTER GALBIATI

          MILANO – «Il risultato consolidato netto ha registrato un incremento del 5% (+8,2% a cambi costanti), chiudendo l´esercizio a 52,7 milioni rispetto ai 50,2 milioni di euro del 2003». Questo era quanto contenuto nel comunicato stampa di Autogrill relativo ai risultati 2004. Nessun accenno a come quei 52,7 milioni sono stati ottenuti. Per saperlo i piccoli azionisti hanno dovuto attendere la relazione dei revisori dei conti e il bilancio consolidato da poco depositati in Borsa.

          I revisori della Deloitte, infatti, hanno rimarcato come il gruppo controllato dai Benetton sia riuscito a migliorare l´ultima linea del bilancio Autogrill solo grazie a un artificio contabile, che ha permesso un beneficio al netto delle tasse di ben 24,8 milioni di euro. Nel 2004, a seguito dell´integrazione di Anton Airfood, Autogrill ha effettuato la revisione del periodo di ammortamento dell´avviamento e della differenza da consolidamento relativi alle attività Usa. In sostanza è stato allungato il periodo di ammortamento delle immobilizzazioni immateriali, con il risultato di ridurre l´impatto degli ammortamenti sull´esercizio 2004 di ben 27,7 milioni.

            L´avviamento rilevato da HmsHost, la controllata Usa, al momento della fusione con Autogrill è stato ammortizzato su un periodo di 10 anni sino all´esercizio 2001 e di 15 fino all´esercizio 2003. Con l´integrazione di Anton Airfood, a partire dall´esercizio 2004 la vita utile è stata allineata a quella stimata per le differenze da consolidamento di quest´ultima con il risultato che l´avviamento delle attività americane dal 2004 verrà indistintamente ammortizzato entro il 2023, provocando un beneficio di 15,1 milioni nel solo esercizio 2004. Analogamente a quanto avvenuto per l´avviamento, la vita utile della differenza da consolidamento di Anton Airfood è passata da 5 a 20 anni, una revisione che ha determinato una riduzione dell´ammortamento di 12,6 milioni. Al netto dell´effetto fiscale ciò si traduce in un benefico per l´utile di 24,8 milioni. Senza questa mossa, l´utile del gruppo, invece di salire del 5%, sarebbe sceso del 44,4%.