I LAVORATORI DI TARANTO IN SCIOPERO CONTRO I TAGLI DEL MINISTRO GELMINI

18/01/2010

19 gennaio 2010

I lavoratori di Taranto in sciopero contro i tagli del Ministro Gelmini

Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti e UGL hanno proclamato una giornata di mobilitazione per martedì 19 gennaio, con manifestazione sotto la Prefettura di Taranto a partire dalle ore 16.00 di tutti i lavoratori e le lavoratrici degli appalti scuole statali di Taranto e Provincia (circa 850), per manifestare il proprio dissenso nei confronti dei recenti provvedimenti approvati dal Ministro Gelmini..
Dopo i numerosi tagli avviati dal MIUR nei confronti del personale docente, il Ministro Gelmini ha pensato di tagliare ulteriormente del 25% le risorse economiche per il già difficile settore dei servizi di pulizia in appalto.
Nella città di Taranto la Dussmann Service srl, ditta che gestisce l’appalto delle scuole statali, ha fatto già comunicato l’intenzione ad operare il taglio su indicato per gli 850 lavoratori impegnati nell’appalto. Un taglio che significherebbe circa 70-100 Euro in meno per chi già percepisce qualcosa come 500-600 Euro al mese.
Le organizzazione sindacali Filcams CGIL, Fisascat Cisl e Uiltrasporti UIL-Igiene Ambientale UGL di Taranto si mobiliteranno affinché nulla venga tagliato nei confronti di lavoratrici e lavoratori, che già hanno difficoltà a far quadrare i propri bilanci familiari con 3-4 ore di lavoro al giorno.