I LAVORATORI DELLE PULIZIE OTTENGONO DAL MINISTERO I FONDI PER PULIRE LE SCUOLE

07/06/2002

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi

Ufficio Stampa
www.filcams.cgil.it

7 giugno 2002

I LAVORATORI DELLE PULIZIE OTTENGONO DAL MINISTERO I FONDI PER PULIRE LE SCUOLE

Un migliaio di lavoratori da tutta Italia si sono dati appuntamento davanti al ministero dell’Istruzione per reclamare i fondi che lo Stato deve alle imprese e alle cooperative che puliscono gli edifici scolastici. Molti di loro, in alcuni casi soci-lavoratori di cooperative, sono in credito di dieci, dodici mesi di salario. Altri sono stati licenziati avendo le loro imprese gettato la spugna.

Mentre i lavoratori manifestavano il loro buon diritto a essere pagati, una delegazione sindacale ha trattato con i dirigenti ministeriali una soluzione per uscire da questa situazione paradossale.

«Finalmente si sono decisi – dice Carmelo Romeo, segretario nazionale Filcams e responsabile del settore pulizie – a considerarsi dei debitori e ad attingere ai fondi ordinari di bilancio senza attendere la legge apposita, ferma in commissione parlamentare. Il ministero invierà una circolare ai dirigenti provinciali per invitarli a dare corso ai pagamenti e a considerare prorogati gli appalti.

«Una commissione tecnica ministero-sindacati – prosegue Romeo – vigilerà sulle gare d’appalto, sul rispetto delle leggi, sulla garanzia delle retribuzioni e sulla sicurezza. Il percorso concordato si prefigge di stabilizzare l’occupazione attuale, circa 15mila persone a part-time. Con la promulgazione della specifica legge, in attesa in parlamento, la stabilità occupazionale nel settore dovrebbe essere definitivamente raggiunta».

Verifica entro il 30 giugno con un nuovo incontro al ministero.

Il Comunicato precedente