I controlli sulle co.co.co.? Solo dopo il voto

31/03/2006
    venerd� 31 marzo 2006

      Pagina 37 – Lavoro

      I controlli sulle co.co.co.? Solo dopo il voto

        I controlli sulle co.co.co. devono aspettare il 9 aprile. Le ispezioni che dovrebbero verificare l’effettiva attuazione della legge Biagi, sotto il profilo della regolarit� del ricorso da parte delle imprese alle co.co.co. e ai contratti a progetto, rappresentano forse il provvedimento in assoluto pi� annunciato dal ministero del welfare. E mai realizzato, nonostante se ne parli ormai dalla fine del 2003.

        Incalzato da quanti, addetti ai lavori e non, gli chiedevano notizie delle famose ispezioni a due anni dall’entrata in vigore della nuova normativa sul lavoro, il sottosegretario al welfare, Maurizio Sacconi, il mese scorso aveva annunciato che questa volta sarebbe riuscito a portare a casa il risultato.

        �Stiamo per avviare una robusta campagna ispettiva per verificare la prima attuazione della legge Biagi e faremo pulizia di tutte le forme irregolari di collaborazione, il regolamento � gi� alla firma del ministro’, rivelava Sacconi a ItaliaOggi il 16 febbraio. Da quel momento, per�, del provvedimento non si � saputo pi� nulla, se non che continua a essere fermo sulla scrivania del ministro. Dove, a quanto risulta a ItaliaOggi, � destinato a rimanere almeno fino dopo le elezioni.

        I motivi del nuovo stop, a questo punto, essendo l’articolato gi� pronto da mesi, non dovrebbero essere di natura tecnica. Forse l’argomento cos� delicato ha consigliato al ministro Maroni, a pochi giorni dal voto, di non avere fretta e pensarci ancora un po’ su. (riproduzione riservata)