I consumatori cantano vittoria

17/09/2003

       

       mercoledì 17 settembre 2003
      Pagina 6 – Economia
 
 
      Le associazioni: "Ha aderito un italiano su due".
      Ma i negozianti parlano di fallimento dell´iniziativa
      I consumatori cantano vittoria
      Sciopero della spesa, guerra di cifre con i commercianti
              LUCIO CILLIS


      ROMA – I consumatori gridano al successo: «Un italiano su due ha rinunciato a fare acquisti».
      I commercianti di Confesercenti spengono invece gli entusiasmi dell´Intesa dei consumatori e parlano di punte di adesione non superiori dal 10%. E la Fipe-Confcommercio, che rappresenta i pubblici esercizi, rincara la dose, schierandosi a difesa dei consumi di caffè: lo sciopero, soprattutto nei bar, è stato «un totale fallimento», come a dire che la tazzina nel nostro paese resta un sacro, intoccabile rito anche in tempi di crisi. Ma al di là della consueta guerra di cifre, resta un dato inconfutabile: il terzo sciopero della spesa, e le ragioni di chi spende hanno fatto nuovi proseliti soprattutto in campo politico e sindacale.
      Le cifre. La protesta, secondo gli organizzatori, ha registrato un record di adesioni pari al 47% dei consumatori, in pratica 26 milioni e 500 mila cittadini. A Napoli partecipazione del 56%, a Cesena e Palermo del 52%. A Bari e Catania 48%, a Torino 41%, Bologna 40%, Roma e Milano 38%, Firenze 36%, Como 35% e Cagliari 33%. Colpiti dalla serrata dei clienti soprattutto i supermercati, negozi di abbigliamento, intimo e calzature.
      Ma per le associazioni dei commercianti l´iniziativa è stata un flop: «Quella di oggi è certamente una forma di protesta più che legittima ma che ha proprio sbagliato indirizzo e destinatario» replica la confederazione guidata da Sergio Billè. Anche secondo la grande distribuzione alimentare, come Coop e Gs-Carrefour, «non è stato registrato alcun calo di vendite».
      La protesta in piazza. Alla manifestazione di piazza Monte Citorio, oltre a centinaia di consumatori agguerriti, non sono mancati gli attestati di solidarietà di molti esponenti politici, dal leader della Margherita, Francesco Rutelli, a quello dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio. Nel corso della protesta, una delegazione dell´Intesa dei consumatori ha incontrato il presidente della Commissione Finanze della Camera, Giorgio La Malfa che ha annunciato l´avvio di una Commissione d´inchiesta parlamentare per «verificare le dinamiche dei prezzi e la formazione dell´indice inflattivo».
      «Il governo ora ci deve ascoltare – sottolinea Rosario Trefiletti di Federconsumatori – e deve aprire un tavolo di confronto per ottenere un adeguamento delle tariffe e per distribuire un bonus fiscale alle famiglie meno abbienti». Per il presidente dell´Adusbef, Elio Lannutti, invece, «il governo ha fatto finora la politica dello struzzo facendo passare l´euro per capro espiatorio». Differenti le posizioni delle altre associazioni che non hanno partecipato direttamente alla protesta: Altroconsumo apre oggi, anche ai non iscritti, il sito internet. L´Adiconsum lancia invece, un appello all´esecutivo per «fermare la corsa dei prezzi». I Consumatori indipendenti, "terza forza" nata dalla spaccatura all´interno della Coalizione dei consumatori, ha invece attuato un presidio simbolico davanti alla sede di Confcommercio a Roma. Vicini alle ragioni degli utenti pure gli agricoltori: la Coldiretti ha portato quintali di frutta e verdure nei presidi organizzati nelle varie città. La Confederazione italiana agricoltori ha sottolineato la necessità «di riportare il discorso sui giusti binari» e Confagricoltura ha chiesto «la nascita di un´Authority che vigili sulla filiera»
      .