I ciccioni d’America fanno causa a McDonald’s

29/07/2002

http://www.ilnuovo.it/nuovo/foglia/0,1007,145087,00.html

I ciccioni d’America fanno causa a McDonald

Le più grandi catene di fast food dovranno difendersi dall’accusa di aver ‘sedotto e ingrassato’ milioni di consumatori.



WASHINGTON – McDonald e gli altri giganti dell’hamburger siederanno sul banco degli imputati in una causa storica. I ciccioni d’America li hanno infatti denunciati per aver attentato al loro girovita.
Sembra uno scherzo, ma non lo è: McDonald, Burger King, Wendy’s e Kentucky Fried dovranno discolparsi davanti alla suprema corte del Bronx dall’accusa di aver sedotto e ingrassato i consumatori. La clamorosa azione legale è stata portata avnti da un uomo di 57 anni, che sottolinea:
"McDonald’s, Wendy e Kfc hanno compromesso la mia salute. E’ solo colpa loro se peso 113 chili, se non riesco a dimagrire, se il grasso in eccesso mi ha causato problemi di salute".
Nel centro del mirino ci sono hamburger e patatine, il cosiddetto "junk food", cibo spazzatura. Negli Usa l’obesità è del resto una vera e piaga sociale, che colpisce oltre il 50% della popolazione adulta. Le grandi catene di fast food sono da tempo impegnate in una campagna di educazione alimentare, ma evidentemente l’iniziativa non è ritenuta sufficiente dai "ciccioni", che ora cercheranno di far "dimagrire" le casse delle multinazionali.

(26 LUGLIO 2002, ORE 15:50)