Hotel, nuovo tentativo di riapertura

13/04/2011


Per il4stelle in Fi Pi-Li a vuoto kprime2 date: i d rdenti sperano in domenica

PONSACCO. Per ben due volte vengono allertati con un sonoro "Tra una settimana si riapre". Poi, pochi giorni prima della data, la gestione puntualmente fa marcia indietro e ai dipendenti dell`hotel dei Cavalieri non resta altro che sperare. In una nuova comunicazione. Per l`appunto le insegne dell`albergo sulla Fi-Pi-Li alla stazione di servizio di Gello Est dovrebbero tornare a illuminarsi domenica prossima. «Questa è l`ultima comunicazione che abbiamo ricevuto e incrociamo le dita», spiega Gabriele Aringhieri delegato interno della Filcams Cgil. Lui, come gli altri 6 colleghi che lavorano nella struttura, è in cassa integrazione fino al 30 aprile. Sette lavoratori, più due addette alle pulizie, che sperano di tornare a occuparsi di clienti e gruppi vacanza al più presto.
«Diciamo che rispetto ad altre volte, adesso sono venuti a sistemare l`impianto idraulico e quello termico fermi da mesi. E` un buon segno», continua il delegato. Tutti i pomeriggi, dal lunedì al venerdì, i dipendenti vanno comunque all`hotel 4 stelle a rispondere al telefono e prendere le prenotazioni. E c`è pure qualche gruppo in vista. «Diverse persone hanno confermato il soggiorno per il periodo di Pasqua, poi abbiamo avuto anche altre prenotazioni.
Sarebbe brutto doverle disdire».
La società che gestisce l`attività è l`immobiliare degli Ulivi di Milano, anche se la struttura negli ultimi 2 anni ha cambiato ben 3 gestioni. Colpa della crisi generale, forse anche la location non è delle più fortunate: comunque sia la drastica decisione di chiudere l`hotel arriva a gennaio. Nella migliore delle ipotesi la realtà meneghina potrebbe decidere di riaprire il 4 stelle, possibilità che sembra profilarsi all`orizzonte. Oppure una terza società potrebbe rilevare l`attività. Nella giornata di ieri abbiamo provato più volte a contattare l`Immobiliare milanese, senza riuscirci.
La peggiore delle opzioni è quella che sperano di scongiurare i 7 dipendenti: andare a casa. L`albergo, con le sue quattro stelle, conta 68 camere arredate in stile moderno, il centro fitness, le sale convegni. «Da due anni l`hotel non faceva più la parte della ristorazione e si era concentrato nel pernottamento i prima colazione», aggiunge Aringhieri.
«L`hotel è bello e confortevole – continua – ma difficilmente una persona che pernotta in zona, prende la superstrada apposta per venire da noi. E per quanto riguarda camionisti e gente di passaggio, magari non tutti si possono permettere un quattro stelle». La segreteria telefonica dell`hotel, al mattino, risponde che la struttura"è temporaneamente chiusa". Da parte loro il sindacato sa bene che in questo periodo non sono poche le strutture
che stanno attraversando momenti di difficoltà. Francesca Suggi