HIT, Accordo mobilità 22/11/2002

VERBALE DI ACCORDO

Legge 223/91 art.4 (procedura per la dichiarazione di mobilità) e art.24 (norme in materia di riduzione di personale)

Addì, 22 novembre 2002 presso la sede dell’Unione Parmense degli Industriali in Parma, Strada al Ponte Caprazucca, 6, si sono incontrati:

- La HIT Holding Italiana Turismo S.p.A. rappresentata a tutti gli effetti contrattuali e di legge dall’Amministratore Delegato e Direttore Generale Dr Roberto Tedesco e dal Direttore Risorse Umane Dr. Corrado Guiducci, assistiti dal Dr Enea Bianchini dell’Ufficio Risorse Umane e Relazioni Industriali dell’Unione Parmense degli Industriali

e

- LE SEGRETERIE NAZIONALI della FILCAMS-CGIL e FISASCAT-CISL nelle persone dei sigg.: Gabriele Guglielmi e Antonio Michelagnoli. La FILCAMS CGIL Provinciale di Parma e Milano, nelle persone dei Signori: Elisa Camellini e Romeo Savoia e la FISASCAT CISL Provinciale di Parma nella persona della Signora Clementina Saglia unitamente alle RSU/RSA aziendali nelle persone dei componenti firmatari.

Le Parti, come sopra costituite, dopo ampia ed approfondita discussione, si danno atto che, con il presente verbale, è stato raggiunto l’accordo ai sensi della procedura prevista dall’art.4 della citata legge 223/91

PREMESSA

      - le OO.SS. danno atto di avere ricevuto in data 15.11.2002 la comunicazione di avvio della procedura, comunicazione che è stata preceduta dagli incontri del 16 ottobre 2002 (a Roma) del 22 ottobre 2002 del 4, del 6 e del 15 novembre 2002 (a Parma) in cui è stato congiuntamente esaminato il progetto di riorganizzazione e razionalizzazione delle strutture aziendali;

- in tali incontri, in particolare:

      1. l’azienda ha illustrato e consegnato in via riservata alle sole OOSS nazionali, il “Piano Industriale”, condiviso con gli azionisti e sulla base del quale si è svolto il confronto con gli istituti di credito;

      2. le OO.SS. firmatarie hanno dichiarato la loro positiva valutazione del piano industriale e conseguentemente il loro coinvolgimento si estrinsecherà attraverso un metodo di verifica congiunta delle varie fasi applicative sugli aspetti che interagiscono direttamente con il presente accordo.

      Al riguardo si prevedono le seguenti tempistiche:

      primo incontro sulla fase di avvio del piano entro il 15 dicembre 2002, successivamente, per l’anno 2003 incontri di monitoraggio con cadenza bimestrale o a richiesta delle Parti;

      3. l’azienda ha comunicato la propria disponibilità ad individuare nella formazione e riqualificazione professionale, uno strumento strategico della risorsa umana per le iniziative di rilancio previste dal piano industriale, con particolare riferimento alla gestione clienti, finalizzata allo sviluppo delle vendite e all’innovazione tecnologica. Gli specifici progetti formativi saranno oggetto anche di preventiva consultazione tra le parti al fine di verificare i programmi, le metodologie ed i possibili percorsi professionali. A tale riguardo le parti concordano sull’opportunità ; che tutte le iniziative in tema di formazione e riqualificazione professionale previste, per il personale attualmente in forza e per quello in forza successivamente all’applicazione del presente accordo, vengano effettuate privilegiando anche gli strumenti bilaterali previsti dal vigente CCNL di settore. Le parti si attiveranno congiuntamente nei confronti dell’EBIT;

      4. l’Azienda dichiara la propria disponibilità a verificare la possibilità di individuare oggettivi elementi di collegamento tra il raggiungimento degli obiettivi fissati dal piano industriale ed obiettivi premianti di carattere collettivo / funzionale / individuale. Al riguardo le Parti effettueranno una verifica entro il 1° trimestre 2003 delle metodologie relative, i cui riflessi avranno ricadute in caso di raggiungimento degli obiettivi, a partire dal 1° gennaio 2004;

      5. le parti hanno convenuto che il diritto di precedenza su eventuali assunzioni in posizioni lavorative per mansioni e livelli compatibili con i profili professionali dei lavoratori in esubero, debba essere attribuito, in via prioritaria, ai lavoratori considerati in esubero in base al presente accordo e, in subordine, ai lavoratori con contratto a tempo determinato assunti nell’anno precedente con ciclicità;

      6. per quanto concerne il booking, l’Azienda dichiara che l’attuale organico, composto da lavoratori a tempo indeterminato e lavoratori con contratto a tempo determinato, debba essere considerato quale struttura ottimale per le attuali esigenze tecnico organizzative. In funzione di quanto sopra, ed in relazione anche alla formazione tecnica già ricevuta da parte degli addetti, si conviene che, alle relative scadenze previste, gli attuali contratti a termine vengano trasformati in contratti a tempo indeterminato e ciò anche in funzione del fatto che, in detta area, non sono previsti esuberi in base al presente accordo. Qualora successivamente si manifestassero ulteriori esigenze di incremento di organico, anche riferite a periodi di stagionalità, le parti convengono che debba essere data la priorità prevista al precedente punto 5 anche a lavoratori non in possesso dei precisi riferimenti tecnico professionali purché, da parte degli stessi, vi sia disponibilità ad accedere ad appositi percorsi di riqualificazione professionale, predisposti in applicazione del precedente punto 3.

Tutto quanto sopra premesso le Parti, in base alle motivazioni esposte dall’Azienda sulla necessità di effettuare la prevista ristrutturazione, hanno concordato sulla oggettiva validità delle stesse ed hanno convenuto quanto segue:

1. CRITERI:

il personale in esubero viene di seguito individuato in puntuale applicazione del criterio delle esigenze tecniche, organizzative e produttive, criterio di scelta che le parti giudicano debba essere prevalente su ogni altro criterio (salve le integrazioni che si diranno) allo scopo di assicurare una corretta ed efficace attuazione del piano aziendale e di poter, nel contempo, assicurare migliori prospettive al personale restante. Il criterio oggettivo prescelto sarà integrato dal “criterio del consenso”, nonché dal criterio della "specificità / attitudini professionali", valutato dalle parti, su basi oggettive, in sede di esame congiunto e di conclusione del presente accordo. Infine, le parti danno atto che nell’individuazione delle figure in esubero, il criterio delle esigenze tecniche, organizzative e produttive è stato integrato con la valutazione dell’esistenza di situazioni personali o familiari di particolare gravità.

Qualora, successivamente alla sottoscrizione del presente accordo, l’ azienda ritenesse di poter limitare ulteriormente gli esuberi (rispetto a quelli che saranno di seguito individuati), ripescando anche su indicazione delle OO.SS. unità lavorative in altre articolazioni aziendali e/o assegnando loro diverse mansioni, anche in deroga all’articolo 2103 c.c., l’azienda sarà abilitata a farlo, individuando le unità lavorative da non licenziare in base al solo criterio delle esigenze tecniche, organizzative e produttive. Analoga regola troverà applicazione qualora le nuove opportunità occupazionali venissero ad esistenza successivamente ai previsti licenziamenti.

Tutti i predetti criteri sono stati concordati dalle parti (e puntualmente applicati) in deroga ai criteri previsti dall’articolo 5 della legge n. 223 del 1991, nell’esercizio della facoltà prevista dal 1^ comma del medesimo articolo.

2.ESUBERI

      Direzione Amministrazione Finanza Controllo: n. 4
      Direzione Pianificazione e Sviluppo: n.2
      Direzione Distribuzione e Turismo: n.6
      Rete agenzie: n.20
      B.T.C. Milano: n.3
      B.T.C. Parma: n.1
      B.T.C. Roma Magliana: n.2
      B.T.C. Roma Eurolat: n.6
      Direzione Commerciale Aziende (Milano): n.3
      Direzione Commerciale Aziende (Roma): n.1
      Incentive Roma: n.1
      Direzione Turismo Sestante (Milano): n.2
      Sestante Sport: n.12
      Direzione Gestione Villaggi ed Alberghi: n.5

Per un totale di sessantotto lavoratori, i cui nominativi vengono congiuntamente individuati, in applicazione del precedente punto 1 (criteri), nell’elenco allegato A che forma parte integrante del presente accordo.

3.INCENTIVI ALL ’ESODO

Al momento dell’effettiva risoluzione del rapporto di lavoro, oltre alle competenze maturate, ai lavoratori posti in mobilità verrà erogato, a titolo di incentivo all’esodo, ed in aggiunta al TFR, un importo lordo secondo le modalità previste dalla seguente tabella:

      ANZIANITA’ DI SERVIZIO
IMPORTO LORDO
Fino a 3 anni Euro 2.500
Da 3 anni e 1 giorno a 8 anni Euro 4.000
Oltre 8 anni Euro 5.500
      - In aggiunta agli importi di cui alla precedente tabella ed allo stesso titolo, ai lavoratori posti in mobilità, verrà erogato un ulteriore importo lordo di euro 500 (cinquecento)in ragione di ogni familiare a carico, così come risulta dalla situazione dichiarata all’Azienda ai fini delle detrazioni fiscali, e con le medesime percentuali. (es.: coniuge = Euro 500; coniuge più un figlio = Euro 1.000; un figlio al 50% = Euro 250; due figli al 50% = Euro 500 etc.).

      - Inoltre, ai lavoratori ultracinquantenni (alla data di sottoscrizione del presente Accordo) in esubero, verrà erogato, in aggiunta agli importi di cui alla precedente tabella e allo stesso titolo, una ulteriore somma lorda di Euro 500 (cinquecento/00).

      Resta espressamente convenuto che le erogazioni di cui sopra sono subordinate alla sottoscrizione di un’apposita conciliazione in sede sindacale da svolgersi in ambito territoriale, a Milano per le realtà della Lombardia, a Roma per le realtà del Lazio e a Parma per il resto comunque non oltre il 10.12.02.

4. DECORRENZA

Le Parti concordano che l’effettiva risoluzione dei Rapporti di Lavoro con tutti i dipendenti posti in mobilità avverrà dal 25.11.02 al 10.12.02, salvo i lavoratori soggetti a specifiche tutele di legge o eventuali casi particolari, individuati in funzione delle esigenze aziendali.

Sempre in funzione delle esigenze tecnico produttive aziendali, verrà comunicato ai lavoratori in esubero o la non effettuazione del periodo di preavviso o le modalità di eventuale svolgimento totale o parziale dello stesso, che comunque non potrà superare il termine di cui sopra.

Per eventuali periodi restanti, verrà corrisposta la relativa indennità sostitutiva.

5.CONTRIBUZIONE

Le Organizzazioni Sindacali firmatarie danno atto di avere ricevuto copia del bollettino di versamento del contributo di mobilità effettuato dall’ ;azienda e che, con la stipula del presente accordo l’azienda ha diritto di avvalersi, ai sensi delle vigenti disposizioni di legge del contributo di mobilità ridotto a n°3 mensilità.

Letto approvato e sottoscritto

p. HIT HOLDING TURISMO SpA p. OO.SS. NAZIONALI:

FILCAMS CGIL/FISASCAT CISL

p. l’UNIONE P.SE INDUSTRIALI p. OO.SS. PROVINCIALI:

FILCAMS CGIL/FISASCAT CISL

p. RSU/RSA AZIENDALI

Link Correlati
     Nota esplicativa