Gruppo Grancasa, stato di agitazione e proclamazione sciopero 01/06/2019

Roma, 28-05-2019

Via PecGrancasa S.p.A.,
Mercatone di Desenzano S.r.l.,
Mercatone dell’Umbria S.r.l.,
Gest Due S.r.l.

Via Carlo Jucker, 33
20025 Legano (MI)

Spett.le Gruppo Grancasa,

alla luce di quanto emerso nell’incontro svoltosi in data 27 maggio 2019, presso il Ministero del Lavoro, nell’ambito della procedura di licenziamento collettivo avviata dalla vostra società, Grancasa S.p.A., considerando  le procedure aperte anche dalle società  Mercatone di Desenzano S.r.l., Mercatone dell’Umbria S.r.l. e Gest Due S.r.l., giuridicamente di competenza territoriale, nonostante l’intervento del Ministero del Lavoro nel sollecitare la direzione aziendale a trovare soluzioni condivise volte a ridurre quanto più possibile l’impatto occupazionale, abbiamo registrato il mantenersi dello stesso approccio di chiusura dei precedenti incontri in sede sindacale.
 
Visto il vostro atteggiamento di chiusura, tenuto conto  di quanto riportato sopra, appurato che da parte vostra non ci sono state risposte adeguate nei confronti dei 158 lavoratori impattati dalle procedure e in mancanza di prospettive certe per coloro i quali non sono oggi inseriti tra i licenziamenti, le scriventi OO.SS., insieme alle Strutture Territoriali e alle RSA/RSU, ai sensi delle norme attualmente vigenti, dichiarano, il permanere dello stato di agitazione e una giornata di sciopero nazionale che si terrà il giorno 1 giugno 2019.
 
Infine, qualora fossero confermate le voci che circolano nei diversi territori, circa comportamenti da parte di figure apicali aziendali volti a dissuadere l’esercizio del diritto allo sciopero dei vostri dipendenti, Vi diffidiamo fin d’ora dal praticare tali pressioni, le scriventi OO.SS. tuteleranno tutti i lavoratori in tutte le sedi secondo quanto previsto dalle attuali norme.  
 

p.La Filcams Cgilp.La Fisascat Cislp.La Uiltucs
S. PagariaS. CarofratelloP. Andreani