Gruppo Giacomelli, Verbale incontro avvio procedura Cigs 07/11/2003

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI
DIREZIONE GENERALE DELLA TUTELA CONDIZIONI DI LAVORO
DIVISIONE VIII

VERBALE DI INCONTRO

Il giorno 7 novembre 2003 presso il ministero del lavoro e delle politiche sociali alla presenza della dr.ssa Erminia Viggiani, si sono riuniti:

Giacomelli Sport Group S.p.A., Giacomelli Sport S.p.A., Longoni S.p.A., Giacomellisport.com S.r.l., .IT Sport S.r.l. e Natura & Sport S.r.l. in stato di insolvenza correnti in Rimini – Via Nuova Circonvallazione Ovest, n. 14/16 – in persona dei Commissari – Giudiziali Prof. Avv. Elio Blasio, Dott. Antonio Bertani;

per la FILCAMS CGIL il sig. Gabriele Guglielmi, per la FISASCAT CISL la sig.ra Daniela Rondinelli per la UIL TuCS UIL il sig. Antonio Vargiu

premesso

-che in data 08.10.2003 il Tribunale di Rimini pronunciava sentenza dichiarativa dello stato di insolvenza, nell’ambito del procedimento di cui al D.Lgs. 270/99, nei confronti delle società sopra specificate;

-che, nell’ambito della procedura di cui al D.Lgs 270/99 (di cui la sentenza dichiarativa summenzionata costituisce la prima, necessaria, fase) ed in riferimento all’art. 6 D.P.R. 218/2000, nonché all’art. 7 c. 10 ter legge 236/93, specifico per le imprese commissariate, durante il periodo intercorrente dalla dichiarazione di stato di insolvenza, l’intervento della C.I.G.S. richiesta si colloca nella condizione aziendale di prosecuzione dell’esercizio d’impresa, finalizzato alla tutela e preservazione del patrimonio aziendale sia umano che produttivo e al mantenimento del prodotto sul mercato;

-che, stante la rilevante contrazione di ordinativi in corso nel periodo e le incertezze suscitate nel mercato dallo stato di insolvenza dell’azienda, i livelli di eventuale possibile attività non consentono, in alcun modo, il pieno utilizzo del personale attualmente dipendente;

-che l’intervento richiesto consentirà di non pregiudicare i presupposti per l’attività degli Organi della Procedura di Amministrazione Straordinaria nei necessitati passaggi in cui essa si articola.

Per quanto sopra motivato, le parti come sopra rappresentate, convengono di richiedere, a decorrere dal 08.10.2003, per una prevedibile iniziale durata di 12 mesi data, l’intervento della Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria.

Il ricorso alla C.I.G.S. sarà a zero ore e riguarderà un numero massimo di 192 dipendenti.

Appena il Tribunale si sarà pronunciato, presso il Ministero del lavoro, si terrà un incontro per l’esame congiunto ai fini della richiesta di concessione della CIGS.

Letto, confermato e sottoscritto