Gruppo Ferri, oggi l’udienza

04/09/2003

LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO


ADRIA – giovedì 4 settembre 2003
il caso
In Tribunale, a Trani, si decide sulla concessione dell’amministrazione straordinaria

Ferri, oggi l’udienza

Scognamillo: «Sono in gioco seicento posti di lavoro»


Vertenza Gruppo Ferri: è l’ora del Tribunale. Questa mattina, infatti, alle 9, si terrà l’udienza, presso il Tribunale di Trani, per definire la vertenza del Gruppo Ferri per la concessione di amministrazione straordinaria allo stesso gruppo. Il vicepresidente provinciale della Filcams-Cgil, Giuseppe Scognamillo, ha ricordato che «I lavoratori del Gruppo Ferri saranno presenti fuori dal Tribunale e all’udienza presenzierà una delegazione degli stessi lavoratori».
Appuntamento importante, dunque, oggi, per la sorte del Gruppo Ferri e per i lavoratori. Scognamillo a tal proposito ha ricordato che «le recenti vicissitudini che hanno interessato e che ancora in questo periodo turbano il Gruppo Ferri coinvolgono allo stato attuale circa 600 lavoratori diretti, oltre a circa 2000 lavoratori del territorio nazionale in modo indiretto tramite l’affiliazione al Gruppo. E’ fondamentale ricordare che vanno predisposte tutte le iniziative necessarie a non far naufragare una realtà imprenditorale meridionale, oltretutto pugliese.» L’esponente della Filcams-Cgil, che nei giorni scorsi ha tenuto una conferenza-stampa sulla questione proprio ad Andria, ha insistito sulla «necessità di mobilitarsi per una situazione che vede in pericolo il futuro di seicento lavoratori quindi di seicento famiglie . Gli accordi sottoscritti negli ultimi mesi presso le sedi istituzionali, allo stato attuale potrebbero non essere più adeguati all’unico scopo di preservare le 600 famiglie dal licenziamento. Importante, dunque, il giudizio del Tribunale che dovrà esprimersi sull’ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria delle società del Gruppo, unicamente a tutela dei relativi aspetti occupazionali».
Giuseppe Scognamillo, infine, ha ribadito che mentre si seguiranno «con estrema attenzione le udienze per seguire l’evolversi dell’azione giudiziaria», non bisogna dimenticare che «la vertenza dovrà necessariamente continuare su tutti, nessuno escluso, i tavoli istituzionali per cercare di evitare l’ennesimo ciclico arresto delle dinamiche occupazionali del nostro territorio».

Michele Palumbo